Tennis. Alessia Perrone vince il Babolat

La tennista vincitrice del master nazionale

Ancora sugli scudi Alessia Perrone del CT Lecce. La tennista si è aggiudicata il master nazionale “Babolat” dopo aver vinto le tappe più importanti disputatesi in Puglia. Importante quella del giugno scorso al Lecce Club Tennis, che le ha permesso di guadagnare i punti necessari per balzare in testa alla classifica nazionale e partecipare quindi al Master

Si è svolto dall’1 al 6 novembre, il master Babolat, sui campi del famoso Circolo Tennis “Real Village” di Roma e ha chiuso la fase nazionale del circuito “Babolat” suddiviso in 15 tappe disputatesi in tutta Italia nel corso di quest’anno. Non solo: vincendo il prestigioso Master, Alessia Perrone accede di diritto al Master Internazionale di Parigi, dove si affronteranno tutti i vincitori dei Master “Babolat” disputatisi in tutto il mondo, una bella occasione per confrontarsi con atlete provenienti da tutto il mondo. Infatti a questi tornei possono partecipare solo i vincitori dei Master che si sono svolti in ogni nazione: «Questo è il giusto riconoscimento non solo ad Alessia Perrone, ma anche al suo allenatore leccese, maestro Enrico Ranieri, al preparatore atletico prof. Oronzino Ingrosso ed allo staff tecnico dell’Accademia di Bari guidata dal Maestro Michelangelo Dell’Edera», ha dichiarato Elio Pagliara, presidente della FIT provinciale. Quindi, dopo la prestigiosa vittoria del “Lemon Bowl”, l’anno scorso a Roma nella categoria Under10, Alessia si è ripetuta vincendo e convincendo anche i tecnici nazionali nella categoria superiore degli Under 11. Attualmente è l’atleta Under 11 più forte d’Italia, tanto che Michelangelo Dell’Edera, responsabile nazionale Under 12/14, insieme allo staff tecnico nazionale guidato da Corrado Barazzutti e Renzo Furlan, la tengono sotto osservazione per inserirla già da quest’anno nel Team Italia che raggruppa le quattro atlete più forti sul territorio nazionale. Alessia Perrone è infatti dotata di un notevole bagaglio tecnico che sta affinando pian piano ed ha dimostrato una maturità abbastanza rara per ragazzi della sua età, per cui tutto lascia presagire che è destinata a diventare “la nuova Pennetta”, pur sapendo che la strada da percorrere è ancora molto lunga e difficile, e che solo allenandosi durante la settimana con molta serietà, dedizione e caparbietà riuscirà a diventare una tennista professionista. Tornando al Torneo di Roma, ripreso anche dalle telecamere di SKY Italia, Alessia ha battuto, in successione, Cortopassi di Alessandria per 4/1, 4/0; Brancato di Palermo per 4/2, 4/1; Savoldi di Torino per 4/0, 4/1. In semifinale ha superato la Leoni di Benevento (già battuta a nella finale del Lemon Bowl di Roma) per 4/2, 4/0, accedendo così alla finale dove ha battuto per 4/2, 4/1 la Chinellato di Como, senza lasciare quindi neanche un set alle sue avversarie. Alla cerimonia di premiazione che ha seguito la finale erano presenti il presidente della “Babolat Italia” dott. Pietra e le ex nazionali di Coppa Davis femminile Rita Grande e Silvia Farina, che hanno voluto sottolineare l’importanza di questi tornei internazionali che portano al confronto giocatori di tutto il mondo. A proposito di Alessia Perrone, le due tenniste hanno invece rimarcato le potenzialità dell’atleta salentina che, nonostante la giovane età, dimostra già di possedere grandi doti tecniche e mentali, ed è quindi destinata a diventare un’atleta professionista di grande livello.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!