Casarano. Nuova sede per la Protezione Civile

I volontari si traferiscono in piazza Diaz

La Protezione Civile di Casarano cambia sede e si sposta al piano terra di Palazzo dei Domenicani, la sede del Municipio

Come era stato da tempo programmato, infatti, i volontari si trasferiranno da piazza Diaz nei locali dell’ex Ufficio Affissioni, attigui al Centro Anziani di vico Araldo nello stesso immobile del Comune. In sostanza, l’associazione si sposta solo di 200 metri e rimane in zona centrale, ma il trasferimento diventa un caso politico. Alleanza Nazionale, infatti, con una nota diffusa ieri, accusa l’esecutivo di “scarsa attenzione” nei confronti della Protezione Civile casaranese. Bisogna rilevare, tuttavia, che neanche l’associazione l’ha presa bene, annunciando con amarezza il trasferimento sul loro sito internet. “A seguito della necessità di dover liberare i locali siti al primo piano dello stabile di piazza Diaz siamo costretti a dover temporaneamente interrompere l'attività del sito – scrivono i volontari – avevamo provveduto a rifare l'impianto elettrico, l’impianto idraulico oltre che a ritinteggiare le pareti (i locali erano fatiscenti). Avevamo provveduto – proseguono – ad installare le apparecchiature radio, la stazione meteo, creare un laboratorio per la riparazione delle apparecchiature, una sala ricreativa. Avevamo però promesso di liberare gli stessi locali nel momento in cui sarebbero serviti all'amministrazione. Non pensavamo però sarebbero serviti così presto”. “Ora c'è data la possibilità – si legge ancora sul sito – di utilizzare una stanza sita nei pressi del centro anziani. Noi chiediamo almeno di poter utilizzare in comodato d'uso gratuito per un periodo di almeno 5 anni la maggior parte delle stanze libere di quella struttura per poter ricostruire una sede operativa e continuare a migliorare il servizio fornito alla comunità”. I circoli di An e “Azione Giovani” hanno voluto esprimere solidarietà ai volontari con un comunicato stampa. “Non possiamo, ancora una volta, che dissociarci dal modo di amministrare della giunta Venuti – si legge nella nota firmata da Enrico Garofalo (An) e Fernando Rizzello (Ag) – una giunta che riesce a trovare i soldi e la struttura per mantenere attivo un Centro Sociale, la cui attività resta un mistero di dubbio interesse per la collettività, in una sede centrale e ampia in piazza Diaz, mentre non riserva attenzione alle esigenze logistiche di chi, come i volontari della Protezione Civile, svolge un’attività importante per la comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!