Nardò acquista pubblici verdi

Il Comune per l'ambiente

Il Comune di Nardò, su proposta di Mino Natalizio, assessore all’Ambiente, ha approvato una delibera con cui è stato adottato lo strumento degli “acquisti pubblici verdi”

Quale atto di orientamento per gli acquisti che dovranno avvenire secondo i criteri della sostenibilità ambientale il Comune di Nardò nelle gare pubbliche terrà in considerazione gli aspetti ambientali. Si tratta di raggiungere un ambizioso obiettivo, entro il prossimo triennio, di una quota di “acquisti verdi” nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno comunale complessivo. L’Assessorato all’Ambiente predisporrà, di concerto con gli altri assessorati coinvolti, un Piano d’azione comunale che valuti come razionalizzare i fabbisogni dell’Ente, individui prodotti e servizi sui quali applicare l’introduzione di criteri ecologici da inserire nelle procedure di acquisto, definendoli nel dettaglio, elabori un programma di formazione, informazione e sensibilizzazione agli “acquisti pubblici verdi” rivolto ai responsabili degli acquisti del Comune. “L’approvazione di questo atto che condivide le finalità di tutela ambientale e gli indirizzi di politica di sostenibilità perseguiti a livello regionale e nazionale – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente, Mino Natalizio – ci consentirà, una volta raggiunto l’obiettivo, di accedere in condizioni preferenziali ai finanziamenti e ai contributi in materia ambientale, oltre che naturalmente perseguire una politica di sostenibilità dei consumi attraverso la riduzione dell’uso delle risorse naturali, la sostituzione delle fonti energetiche non rinnovabili con quelle rinnovabili, la riduzione della produzione di rifiuti e delle emissioni inquinanti, oltre che dei rischi ambientali”. “Da oggi – ha concluso Natalizio – chi prenderà parte alle gare indette dall’Amministrazione comunale dovrà fare i conti con i criteri di scelta di beni e servizi introdotti dalla Giunta comunale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!