La Provincia di Lecce al COM.PA. di Bologna

Salone europeo della comunicazione pubblica

“Multicore: multimedia e multicultura”, sarà il titolo della presentazione di tre servizi innovativi che la Provincia di Lecce sta realizzando in collaborazione con la Cooperativa PAZ per il Salone europeo della comunicazione pubblica di Bologna

Istituto di Culture mediterranee online. Un sistema informativo e divulgativo attraverso il web, che permette agli utenti di accedere ad una serie di importanti contenuti legati al tema della cultura e della contaminazione tra i popoli del Mediterraneo. Sportello immigrazione online. Ulteriore strumento posto in essere dalla Provincia di Lecce per combattere discriminazioni e per offrire un servizio anche via Internet ai tanti lavoratori immigrati che vivono in Provincia di Lecce e che già usufruiscono della professionalità e dei servizi offerti dallo Sportello Immigrazione Salento. Mediateca 2.0. La riorganizzazione della Mediateca della Provincia di Lecce è uno dei principali interventi concreti posti in essere dall'amministrazione provinciale nel corso di quest'anno che verrà messo in evidenza al ComPA di Bologna. Il nuovo sito della mediateca, la piattaforma di blogging integrata nel portale e altri innovativi servizi offerti tramite il web rappresentano un fiore all'occhiello nell'ambito degli interventi legati alle nuove tecnologie realizzati dalla Provincia di Lecce. La cooperativa PAZ lavora da anni nel settore della comunicazione sociale e della innovazione tecnologica nelle pubbliche amministrazioni e allo sviluppo di piattaforme web 2.0, che presuppongono la partecipazione dell'utente alla creazione dei contenuti e si basano sulla condivisione delle informazioni e delle conoscenze via Internet. La collaborazione tra la Provincia di Lecce e la cooperativa Paz rappresenta senza dubbio una concreta prova della reale sensibilità da parte dell'ente rispetto ai temi e alle novità legate alla comunicazione e ai nuovi media.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!