Casarano. Un cuore per ricordare chi tifa da lassù

Centro Storico e Cusp, per il 4° anno consecutivo, hanno allestito la speciale commemorazione

I due cuori, formati da garofani e rose con le foto dei tifosi scomparsi, si trovano all'interno del cimitero davanti all'altare principale. Domenica 11 novembre, prima della partita, è previsto l'omaggio dei calciatori della Virtus Casarano.

L’associazione socio-culturale onlus “Centro Storico”, in collaborazione con i tifosi rosso-azzurri associati al “Cusp 1980”, per il quarto anno consecutivo ha allestito, presso il piazzale centrale del cimitero, il “Cuore Rosso-Azzurro” la corona di fiori con i colori sociali della squadra di calcio con le foto dei tifosi scomparsi. Anzi, i cuori rosso-azzurri quest’anno sono due, come spiega una nota dell’associazione. “Nel ricordo dei nostri amici che sono venuti a mancare – si legge in una nota della onlus – che ci vede legati dalla stessa passione e dallo stesso amore verso il Casarano, si è deciso di far sentire ancora una volta la nostra vicinanza a tutte le famiglie di queste figure a noi care. Tra i nostri amici scomparsi, l’ultimo in ordine di tempo è stato il grande gigante buono Emiliano Semola – spiega la nota – lui è stato la goccia che ha fatto traboccare questo cuore già colmo di dolore. Non bastando quindi lo spazio per tutte le fotografie si è deciso di costruire una struttura gemella che potrà accogliere tutti”. L’iniziativa si concluderà domenica 11 novembre in occasione della prossima partita casalinga della Virtus Casarano. Il programma prevede l’omaggio di una rappresentanza di calciatori presso il cimitero (ore 9.30), la S. Messa presso la parrocchia del S. Cuore celebrata da don Antonio minerba (ore 11.30) e, prima della partita, l’omaggio della squadra alla curva dello stadio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!