Nardò. Nonnopoint e informagiovani

Partono nuovi progetti

“Nonno point” e “Informagiovani” a Nardò grazie al progetto “Sal.Go” Salento Government, interamente finanziato con fondi comunitari

Sono state consegnate nei giorni scorsi le dotazioni informatiche e tecnologiche che garantiranno accesso libero e gratuito per giovani e anziani. In particolare, le postazioni installate all’interno del Centro Anziani sono dotate di personal computer, stampante laser, videoproiettore, videocamera digitale, webcam e sistema di altoparlanti. Gli anziani potranno così avvicinarsi in modo agile e dinamico alle nuove tecnologie multimediali, anche attraverso alcune attività di supporto: affiancamento di tutors specializzati, creazione di una lista di siti consigliati, istruzioni per l’uso della posta elettronica e altro. Anche per i più giovani sarà a disposizione un servizio di primo orientamento. Le postazioni “Open Space”, installate nella sede della Biblioteca Comunale, sono dotate di notebook, stampante “all in one” e videoproiettore e saranno inserite nella “Rete Informagiovani Antenne territoriali Eurodesk”. Visibilmente soddisfatto dell’attuazione del progetto l’Assessore ai Servizi Sociali e alle Politiche Giovanili Carlo Falangone. “Grazie al progetto Sal.Go, interamente finanziato con fondi comunitari, la nostra Città si dota di importanti servizi per gli anziani e per i giovani. In particolare, per i nostri anziani crediamo che innalzamento della qualità della vita significhi anche dar loro la possibilità di scoprire e utilizzare le nuove tecnologie per comunicare e dialogare, ad esempio, con un figlio lontano. E’ un modo semplice e agevole”. “Per i giovani – conclude Falangone – abbiamo creato un servizio collegato direttamente alla Rete Informagiovani Eurodesk, a stretto contatto con l’Unione Europea, in modo da poter garantire loro un aggiornamento e un’informazione costante sulle tante opportunità offerte dalla programmazione comunitaria”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!