488. A processo Adelchi

Padre e figlio imputati

Avevano ottenuto tre milioni di euro per costruire a Tricase un nuovo impianto per fabbricare parti ed accessori in gomma che avrebbe garantito anche nuovi posti di lavoro. Invece quei soldi sono stati utilizzati per le sei aziende di famiglia all'estero

A processo il creatore del calzaturificio Adelchi, Adelchi Sergio, 62 anni, di Tricase. A partire dall’udienza dell’11 gennaio prossimo, risponderà davanti ai giudici di aver impiegato oltre tre milioni di euro di finanziamenti ricevuti con legge 488 per acquistare 332 macchinari che avrebbe ceduto alle sei aziende di famiglia all’estero. Di malversazione ai danni dello Stato risponde il figlio di Adelchi, Luca Sergio, 38enne, legale rappresentante della Selcom. Il giovane è anche imputato di truffa ai danni dello Stato mentre di falso risponderanno i funzionari del Ministero dell’Industria, Vittorio Scagliarini e Carmela Serini, di Bari. Padre e figlio avrebbero, in sostanza, violato l’obbligo di impiegare per un minimo di cinque anni i beni acquisiti con il contributo della 488: quei tre milioni di euro dovevano essere impiegati invece per costruire a Tricase un nuovo impianto per fabbricare parti ed accessori in gomma che avrebbe garantito anche nuovi posti di lavoro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!