Dai satelliti la sicurezza dei trasporti in Puglia

Tutelare il territorio

Grazie ad una associazione temporanea di scopo tra Centro Internazionale di Alti Studi Universitari e due imprese pugliesi, la Loran srl e la Lombardi Ecologia srl (che hanno deciso di investire in quest’iniziativa ingenti risorse), è partito all’inizio del 2007 un progetto, nell’ambito del POR Puglia, misura 6.2, finalizzato al “telecontrollo per la sicurezza dei trasporti pericolosi sul territorio regionale”

Entra nel vivo la realizzazione di un progetto innovativo di monitoraggio e controllo sul trasporto di materiali pericolosi sulle strade pugliesi. In pratica, utilizzando le tecnologie Galileo/GPS, sarà possibile controllare ed orientare, all’interno del territorio regionale, i flussi del trasporto su gomma dei materiali pericolosi (amianto, rifiuti industriali ecc.) utilizzando l’intelligenza artificiale per la prevenzione degli incidenti o per la soluzione delle loro conseguenze. Dopo una fase preliminare di studio e monitoraggio, la partnership sta realizzando una vera e propria centrale operativa che sarà allocata presso le strutture del Ciasu, necessaria ad implementare e sperimentare il sistema di telecontrollo. Verranno a tal fine installati su cinque automezzi campione sistemi di monitoraggio istantaneo di questi trasporti, anche per individuare in tempo reale eventuali infrazioni. Accanto a ciò, si provvederà ad avviare un dialogo inter-istituzionale al cui interno illustrare le opportunità offerte dalla nuova tecnologia e per fornire impulso ad una rivisitazione della disciplina normativa della materia, alla ricerca di un miglior raccordo possibile (anche su basi legislative) delle attività oggi svolte dai numerosi enti, agenzie ed associazioni interessate al fenomeno. L’obiettivo del progetto è anche quello di contribuire ad una nuova e diffusa coscienza ecologista nella nostra regione, integrandosi con quanto va realizzandosi in Puglia nella direzione della creazione di una vera e propria rete di difesa del territorio e di garanzia della sicurezza dei cittadini. La Regione Puglia, già all’avanguardia della politica ecologista, si pone ora come punto di riferimento per questa nuova trincea, consapevole che ogni nuovo progetto che va a realizzarsi è un tassello inserito nel complesso ed impegnativo quadro di difesa e sviluppo dell’ambiente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!