Carnevale. Vince l’Unità d’Italia

Casarano. Il carro allegorico vincitore è degli “Amici del Carnevale” di Cursi, accompagnato da circa 100 garibaldini

CASARANO – Vince Garibaldi e l’Unità d’Italia. Il carro allegorico realizzato dagli “Amici del Carnevale” di Cursi sul 150° anniversario dell’Unità, accompagnato da un gruppo di circa 100 “garibaldini”, ha vinto la XIV edizione del “Carnevale della Fantasia” che si è conclusa ieri in piazza Indipendenza. Il carro di Cursi ha vinto per l’ottima fattura dei pupazzi di cartapesta, per i vestiti del gruppo accompagnatore e naturalmente per i valori del patriottismo che ha trasmesso alle migliaia di spettatori presenti sul percorso. Al secondo posto si è classificato il carro “Don Chisciotte e Sancio Panza” proposto dall’associaiozne “Amici te castieddhru” di Neviano; al terzo il carro casaranese “Fatti e rifatti” del “Gruppo Nuzzo”. Nella categoria “gruppi mascherati A” (con oltre 80 figuranti) vince “Dipingiamo la vita con i valori” della parrocchia “Madre SS. Annunziata” (circa 280 persone) che ha colpito la giuria e il pubblico per il messaggio e la qualità dei vestiti, con i piccoli “Giotto” e le tavolozze viventi; la parrocchia incassa un assegno di 2.100 euro. Al posto d’onore si piazza un’altra parrocchia, il “Sacro Cuore“, con il gruppo intitolato “Pioggia e sole, tempi brutti e tempi belli” (fatto di nuvole, goccioline d’acqua e ombrelli) che vince 1.800 euro. Al terzo posto “La favola di Pinocchio” proposto dalla parrocchia di S. Anna di Parabita. Seguono al 4° posto ex-aequo “Non è una bugia…” dell’associazione “Nova Vita” e i “Calabroni” della parrocchia “Cuore Immacolato di Maria”. Il Risorgimento e le “camice rosse” garibaldine vincono anche nella categoria “gruppi mascherati B” (con meno di 80 figuranti). “L’Unità d’Italia” proposto dall’associazione “Ippica Sud Salento” di Tricase si aggiudica il primo premio (800 euro) grazie anche all’utilizzo dei bellissimi cavalli; al secondo posto il gruppo “I colori della libertà” dell’associazione culturale “Li Spasulati”; terzo classificato “Il cappellaio matto”, ispirato al film “Alice in wonderland”, proposto dalla Comunità riabilitativa “Sorgente” di Racale. Infine, “Piante grasse” di Ruben e Desirè Petracca vincono nella categoria “coppie mascherate”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment