C'era una volta posta per te

La denuncia di un lettore

Perchè l’addetta allo sportello postale 13 “Filatelia”, nelle fasi in cui è presente e non ha di fronte alcun cliente, non dà una mano al collega del ritiro corrispondenza? Se lo chiede Rocco Boccadamo, che lamenta attese estenuanti per il ritiro della corrispondenza

di Rocco Boccadamo Penso che, un po’ a tutti, capiti talvolta di non essere presenti in casa al passaggio del portalettere e di trovare nella cassetta della posta la mitica cartolina gialla con la notifica del mancato recapito di una raccomandata e/o assicurata e/o pacco e l’invito a recarsi in Posta per il relativo ritiro. Un problema comune, quindi, che a me, purtroppo, si pone a più riprese nell’arco dell’anno, rendendomi, quindi, un cliente quasi habitué dello sportello 14 dell’ufficio Lecce Centro. Di per sé, l’operazione del ritiro richiederebbe pochi minuti, compreso il tempo per il rinvenimento della corrispondenza; ciononostante – a causa, da un lato, dell’elevato numero degli utenti e, dall’altro, della circostanza che a presidiare la postazione c’è solitamente un unico addetto – occorre sopportare, in media, un’attesa di 30 – 45 minuti. Siffatta situazione non è d’oggi o di ieri, bensì datata e cronica: eppure nessuno interviene. Reduce dall’ennesimo personale calvario, vorrei, attraverso queste righe, invitare accoratamente il Responsabile delle Poste Italiane Lecce Centro a adoperarsi per l’eliminazione, o quanto meno un indicativo contenimento, del disservizio in parola. Oltretutto le Poste Italiane, che – a dire il vero – in altre prestazioni presentano maggiore efficienza e modernità rispetto al passato, negli ultimi periodi hanno sensibilmente aumentato le tariffe e, in cambio di ciò, i cittadini meritano di essere trattati adeguatamente. Nel caso specifico, per il miglioramento del servizio, perché, ad esempio, l’addetta all’attiguo sportello 13 “Filatelia”, nelle fasi in cui è presente e non ha di fronte alcun cliente, non dà sistematicamente una mano al collega del ritiro corrispondenza?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!