I Luoghi d’Allerta

Visite ed itinerari nel Grande Salento

Prosegue sino ad ottobre il viaggio nel Salento attraverso “I Luoghi d’Allerta”. Tante le tappe e le mete affascinanti da visitare

I luoghi d’allerta 2007 partono da un luogo mitico della storia del Salento: la cripta dei SS. Stefani a Poggiardo, nella zona archeologica di Vaste, venerdi 31 agosto. Nell’antico sito la guida della visita è affidata all’attore Piero Rapanà accompagnato dal poeta Maurizio Nocera, tessitore di saperi e di storie. I musicisti della serata si “radunano attorno alla formazione dei Ronam di Rocco Nigro e Nadia Martina con loro Vito De Lorenzi, Antonio Esperti, Redi Hasa e la voce di Maria Mazzotta. Le atmosfere mitiche saranno affidate all’attore Marco Graziuso che leggerà da “l’ultima caccia di Federico Re” di Antonio Errico e al video di Fernando Bevilacqua, I ciechi, dialoghetto tra il vecchio Tiresia e il giovane Edipo tratto dal “Leucò” di Cesare Pavese. Il libro della serata è “La quercia e il peccatore “di Salvatore Brigante. Domenica 2 settembre, i Luoghi d’Allerta vanno ad Andrano nell’incantato recinto del Castello degli Spinola. Guida della visita è il bravissimo Mauro Rango accompagnato da Piero Rapanà, le spettacolazioni sono affidate agli attori del TeatroBlitz, alle voci Cinzia Villani e Maria Mazzotta, alle tessiture sonore di Roberto Gagliardi, Marco Bardoscia, Admir Skurtay e Francesco Pennetta. Il libro della serata è “Finibusterrae” (Manni) di Antonio Errico. La prima tappa in provincia di Brindisi è a Torre S. Susanna, domenica 9 settembre, nella bellissima area archeologica della chiesetta di S. Pietro in Crepacuore. Piero Rapanà metterà in scena il suo “Che Fortuna…sono qui” spettacolo costruito sui testi di Dino Campana, Antonio Verri, Mariangela Gualtieri ed Edoardo De Candia per le musiche di Roberto Gagliardi. I Canti sono affidati a Raffaella Aprile e ad Enza Pagliara in chiusura un concerto d’eccezione con Roberto Gagliardi, Livio Minafra e Vincenzo Mazzone. Ancora in provincia di brindisi a sentir odore di vendemmia domenica 16 settembre, nel centro storico di San Pancrazio Salentino con i suoni de i Ronam con Rocco Nigro , Nadia Martina, Vito De Lorenzi, Antonio Esperti, Redi Hasa, le voci di Enza pagliata, Cinzia Villani e Maria Mazzotta, gli attori del TeatroBlitz con la loro spettacolazione itinerante. Domenica 23 settembre, nell’allerta di Otranto e del Castello Aragonese, Piero Rapanà ambienta “Che Fortuna…sono qui” teatro-poesia sospeso tra presente e memoria ispirato ai testi di Dino Campana, AntonioVerri , Mariangela Gualtieri, Edoardo De Candia per le musiche di Roberto Gagliardi. Al racconto de “Il fanalista d’Otranto” di Maurizio Nocera è affidato lo spazio letterario con i suoni di Roberto Gagliardi e Admir Shkurtaj. A Martignano domenica 30 settembre la visita è dedicata ai segreti del centro storico con i canti di Cinzia Villani e Maria Mazzotta e il teatro poesia degli attori del TeatroBlitz che introdurranno Alma de tangos di Francesco Congedo, Nadia Martina, Rocco Nigro e Gianni Tarantino. A Salice Salentino i Luoghi d’Allerta fanno tappa domenica 7 ottobre nel centro storico con “Che Fortuna…sono qui” teatro-poesia di Piero Rapanà per i testi di Dino Campana, Antonio Verri, Mariangela Gualtieri ed Edoardo De Candia per le musiche di Roberto Gagliardi. Ampio spazio sarà dedicato ad una collezione di letture dedicate ai poeti salicesi a cura di Mauro Marino e Roberto Simini. Le musiche sono affidate al trio jazz di Roberto Gagliardi. I repertori video all’occhio di Carlo Michele Schirinzi. Per l’ultima tappa dell’edizione 2007 i Luoghi tornano San Pietro Vernotico, domenica 14 ottobre, per un itinerario ambientato nel centro storico le voci di Enza Pagliara, Maria Mazzotta, Cinzia Villani e la parata-concerto della Banda Adriatica. Ogni tappa delle visite sarà corredata da visioni e da immagini della Puglia, tratte da repertorio video-fotografico del Fondo Verri. L’inizio delle visite è alle ore 20.00 info e approfondimenti su http://luoghidallerta.blogspot.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!