Apt: “Siamo spiacenti”

Il ruolo di vigilanza dell’Agenzia sul territorio

Si sono susseguite ieri una telefonata e poi una lettera di scuse di Stefania Mandurino ai turisti romani vittime di disservizi in una struttura di Gallipoli. La quale ha comunque provveduto celermente per offrire agli ospiti ciò che avevano richiesto

In riferimento alla notizia pubblicata nei giorni scorsi su una coppia di turisti romani vittime di disservizi in una struttura ricettiva di Gallipoli, ieri mattina Stefania Mandurino, commissaria dell’Apt di Lecce, in linea con le indicazioni fornite sulla vicenda dall’assessore regionale al Turismo, Massimo Ostillio, ha espresso agli ospiti romani il proprio personale rammarico per l’accaduto. Nel corso del cordiale colloquio telefonico, tra Mandurino e i turisti, è emerso tra l’altro che la struttura alberghiera aveva con celerità rimediato all’inconveniente, fornendo ai due clienti una stanza conforme a quanto stabilito in sede di prenotazione, sia in relazione al prezzo, che alla qualità. Ciò ha permesso agli ospiti di trascorrere serenamente, e in linea con le aspettative, il resto delle vacanze in Puglia, e di apprezzare, secondo quanto testimoniato dai turisti alla commissaria, un territorio accogliente e interessante, anche dal punto di vista culturale. Alla telefonata, l’Azienda di promozione turistica ha fatto seguire una formale lettera di scuse, in cui Mandurino sottolinea il ruolo di vigilanza dell’Ente sul territorio e di stimolo affinché gli operatori del settore siano maggiormente coinvolti sui temi legati alla qualità e all’accoglienza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!