Ambiente: tutte le strade portano a Roma

La provincia di Lecce aderisce al “sistema cartografico cooperante” promosso dal ministero dell’ambiente

La provincia di Lecce ha aderito all’iniziativa denominata “Estensione del Network del Sistema Cartografico Cooperante”, progetto promosso dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

I lavori erano stati avviati nel mese di aprile 2006 un progetto denominato “Progettazione e realizzazione di CED Federati Regionali e Provinciali, con acquisizione delle attrezzature hardware, software e servizi di sistema”, con finanziamento del CIPE, stanziando 8milioni di euro per il potenziamento del Sistema Cartografico Federato. Obiettivo principale del progetto è quello di costituire un’infrastruttura tecnologica per la pubblicazione e la condivisione dei dati geografici in rete, attraverso un network che colleghi il ministero a tutti gli altri enti federati. In considerazione di ciò, lo stesso ministero ha curato la realizzazione di un sistema di gestione e di condivisione di dati territoriali ambientali denominato Portale Cartografico Nazionale (PCN). E’ stato realizzato, inoltre, un Sistema Cartografico Cooperativo (SCC), mediante l’utilizzo di una infrastruttura di distribuzione di dati geotopocartografici, territoriali ed ambientali tra il portale nazionale ed un network di nodi periferici, progettata per garantire una consultazione ed una integrazione efficiente di dati e informazioni geospaziali e tabellari. “Come provincia di Lecce – dichiara Maria Rosaria Manieri, assessore alla gestione territoriale – per la gestione del nostro Sistema Informativo Territoriale, abbiamo voluto sposare l’iniziativa del Ministero dell’ambiente, approvandone la condivisione, la consultazione, l’integrazione e l’aggiornamento di dati geotopocartografici. Il tutto nell’ottica che la disponibilità dei dati territoriali ed ambientali è indispensabile per lo sviluppo delle attività di pianificazione e programmazione degli interventi sul territorio: infatti, – conclude l’assessore – la condivisione delle informazioni territoriali consente, per ognuno degli enti federati, una ottimizzazione delle risorse economiche disponibili”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!