Calò: “Io non c'entro”

Il chiarimento dell'assessore provinciale

“Gli attacchi di Baldassarre sono strumentali”. Nega ogni responsabilità personale e dell'intera amministrazione provinciale Luigi Calò, assessore alle Politiche giovanili in merito alle manifestazioni che hanno devastato La Badessa

di Luigi Calò* Il consigliere regionale e provinciale Raffaele Baldassarre dovrebbe sapere che non mi è mai stata affidata alcuna delega al patrimonio, settore competente per la gestione e la tutela dei beni di proprietà della Provincia di Lecce: non avendone competenza, chiarisco al consigliere e soprattutto all'opinione pubblica che non ho nessuna responsabilità per quanto è successo nei giorni scorsi alla Badessa. L'attacco rivoltomi dal consigliere Baldassarre è, dunque, privo di fondamento e strumentale, come pure le accuse rivolte all'amministrazione provinciale di lassismo e complicità. Come ha spiegato il presidente Giovanni Pellegrino, la Provincia di Lecce ha infatti da subito informato le forze dell'ordine dell'occupazione illegittima dell'immobile provinciale. Da parte della Provincia non è stata assolutamente concessa alcuna autorizzazione alle manifestazioni che hanno, di fatto, devastato La Badessa. Del resto, trattandosi di un'occupazione, non è nemmeno pervenuta alla Provincia alcuna richiesta di autorizzazione. Questa avrebbe invece significato una volontà di assunzione di responsabilità che non c'è stata, né nelle intenzioni, né nei fatti. Quel che è successo è molto grave, sia per i danni subiti dall'immobile e dalle campagne, sia per l'inciviltà che ne è stata la causa. Chi, come me, crede che la libertà di ognuno debba sempre e necessariamente essere accompagnata da senso civico e responsabilità verso gli altri e verso l'ambiente, non può che condannare decisamente quanto accaduto. Vorrei, infine, esprimere la mia personale solidarietà ai privati che hanno ricevuto danni materiali, morali e d'immagine per i riprovevoli episodi verificatisi. * assessore alle Politiche giovanili

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!