“Pronto a dimettermi”

La risposta di Del Coco alle accuse di Maglio

“Le polemiche di Franco Maglio sono infondate. I condizionatori dell’ospedale di Galatina funzionano. Attendo ancora, anzi, le risposte alle mie domande”

di Enzo Del Coco* Strani fatti accadono a Galatina in estate. Succede per esempio che un consigliere di minoranza si svegli una mattina e decida che in ospedale mancano i condizionatori. La sua denuncia rimbalza su tutti gli organi di informazione ed il sottoscritto si becca una strigliata dal sindaco per “omesso controllo”. “Sei il mio Consigliere delegato alla Sanità. Com’è che non ti accorgi che in ospedale si muore dal caldo e deve dircelo Franco Maglio?”, mi urla al telefono Sandra Antonica. Vado immediatamente al “Santa Caterina Novella”. Mi infilo nei reparti segnalati dall’esponente di “Insieme per Galatina” e controllo. Nelle stanze da lui indicate, la palazzina Infettivi ad esempio, funziona tutto perfettamente. A che cosa mira, dunque, il consigliere Maglio con il suo polemico attacco? La risposta mi sembra una sola. Vuole le dimissioni di qualcuno che fa male il suo lavoro. Il sindaco? Non credo. Allora vuole proprio le mie dimissioni! Gliele offro. Non a lui, ovviamente ma a Sandra Antonica che mi ha nominato. Caro sindaco, se pensa di aver riposto male la sua fiducia la prego di ritirarmi l’incarico. Lo dia a qualcun altro più capace, magari ricercandolo anche nei banchi ora occupati dall’opposizione. Rimangono, comunque, ancora senza risposta le domande che, già il primo agosto scorso, posi a chi aveva sollevato la polemica sui condizionatori. Quando, solo un paio di anni fa, il consigliere Franco Maglio percorreva sottobraccio con Raffaele Fitto i corridoi dell’ospedale di Galatina, che cosa faceva, nelle giornate di caldo torrido? Distribuiva ventagli agli ammalati? Può essere che, allora, per l’ex leader di Forza Italia galatinese, le giornate trascorse all’ombra di quel presidente della Regione, che aveva decretato la chiusura di fatto del “Santa Caterina Novella”, fossero più fresche ed il caldo sia scoppiato solo in questi ultimi giorni. Maglio va predicando e dando lezioni a tutti ma dimentica di avere razzolato male quando era vicino alla stanza dei bottoni. E’ rimasto in un compiacente ed elettorale silenzio quando venivano chiusi cinque reparti ed oggi, con una accorta politica delle grida e degli annunci, tenta di far dimenticare tutto quello che, allora, non fu capace di ottenere dal pupillo di Berlusconi. Un fatto è certo, i condizionatori sono apparsi negli ospedali pugliesi, in maniera massiccia e programmata, con la giunta Vendola. Sono macchine e, qualche volta, si rompono. Sappia il consigliere di “Insieme per Galatina” che il sindaco Antonica ha tanto a cuore le sorti del nostro nosocomio da avere delegato una persona a seguirne costantemente i problemi. La politica si fa con i fatti. Nove milioni di euro da spendere nell’ospedale di Galatina con opere, in via di cantierizzazione, che vanno dal rifacimento del Pronto soccorso alla rimozione delle coperture in cemento-amianto (di cui Fitto non si era accorto!) alla ristrutturazione delle sale operatorie sono un fatto. Quelle di Maglio sono invece semplici chiacchiere, sicuramente non coerenti con le affermazioni di chi dice di voler lavorare per la città La smetta il consigliere-imprenditore di fare retorici proclami e faccia proposte concrete e compatibili anche con i ruoli e le funzioni di un’amministrazione comunale. Non spari nel mucchio tanto per sparare. Parli in maniera diretta e non si nasconda dietro alle sterili polemiche. Noi siamo abituati a non fare sconti a nessuno e siamo pronti a “licenziare” Vendola e Tedesco così come furono mandati a casa Fitto ed i suoi (Maglio compreso!). Finché però avremo chiari segnali di attenzione verso il nostro ospedale continueremo nella nostra silenziosa opera a favore degli ammalati e dei cittadini. Terapia intensiva a Galatina sta per diventare realtà ed è prevista nel nuovo piano ospedaliero regionale. Il nostro ospedale non morirà, come avevano previsto gli strateghi del Polo, ma vivrà e sta vivendo con rinnovate energie. La nostra forza sono le persone. Abbiamo medici, infermieri, ausiliari ed impiegati amministrativi egregi che non permettono e non permetteranno a nessuno di usarli per propri fini propagandistici. Siamo certi che Franco Maglio saprà rimboccarsi, insieme con noi, le maniche, e come fa sempre nelle sue imprese, saprà sporcarsi le mani operando per la città con i fatti e non con le parole vuote, affidate, in una giornata calda, allo schermo di un computer. Noi, come sempre, lo aspettiamo. * consigliere comunale di Galatina, delegato del sindaco alla Sanità

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!