Porto Cesareo. Stelle senza fuochi

L’iniziativa promossa dal Comune

Maggiore tutela ambientale e sviluppo eco-sostenibile del territorio; sicurezza nell’entroterra e lungo la costa; sinergie economico-sociali tra gli enti che propongono le azioni e le campagne. Sono questi i tre capisaldi delle iniziative promosse dall’amminstrazione

Divertirsi, ma in modo responsabile. Ovvero senza accendere falò sulla costa, perché danneggiano irrimediabilmente l’ambiente circostante. E’ questo il succo di “Stelle senza fuochi” l’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale di Porto Cesareo. Il prossimo 8 agosto, l’attività di sensibilizzazione del Comune sarà presentata in un’apposita conferenza stampa. Interverranno il sindaco Vito Foscarini, il tenente Sante Picchi della compagnia dei carabinieri di Campi Salentina, il comandante Romolo Peluso della polizia municipale di Porto Cesareo, il maresciallo capo Angelo Mele dell’ufficio locale della guardia costiera, Cosimo Colazzo della brigata della guardia di finanza cesarina, il giornalista romano Gianni Ippoliti, il responsabile del centro di educazione ambientale Mino Bucciolieri e Maurizio Manna, responsabile provinciale di Legambiente. I tre capisaldi delle campagne programmate riguardano: maggiore tutela ambientale e sviluppo eco-sostenibile del territorio cesarino, la sicurezza nell’entroterra e lungo la costa e le sinergie economico-sociali tra gli Enti che propongono le azioni e le campagne. “Riteniamo –spiega Vito Foscarini sindaco di Porto Cesareo – che riappropriarsi del territorio e della sua naturale bellezza, carpendone le sue enormi potenziali, sia atto di amore e rispetto, capace di stimolare nelle coscienze di tutti, residenti villeggianti e turisti, la volontà univoca verso un incondizionato miglioramento delle condizioni di vita lungo il litorale cesarino, spesso martoriato da scempi di considerevole portata. Intendiamo quindi anche attraverso crescenti campagne di informazione, prevenzione e sopratutto sensibilizzazione, che hanno contraddistinto e contraddistingueranno il futuro dell’azione amministrativa e della politica turistica della nuova Porto Cesareo, innescare un sempre maggiore rispetto per il nostro paesaggio e per la splendida costa, creando una nuova immagine per la nostra comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!