Lupiae. Perrone: “Stiamo studiando”

La risposta a Rotundo

Il sindaco di Lecce ritorna sulla questione della Lupiae servizi. “Aspetto – dice – dall’opposizione una collaborazione concreta” ed annuncia che presto il caso sarà portato in consiglio

“Dispiace dover ripetere ancora una volta gli stessi concetti. Sappiamo bene che quella della Lupiae è una situazione molto grave e che rappresenta il primo punto nella lista delle urgenze che questa amministrazione deve affrontare. Lo sappiamo noi, lo sanno i nostri concittadini, anche se Antonio Rotundo ripete quasi quotidianamente i suoi allarmismi”. Torna sulla questione della situazione della Lupiae Servizi, Paolo Perrone, sindaco di Lecce, dopo le nuove prese di posizione di Antonio Rotundo sull’argomento. “La situazione – chiarisce il primo cittadino – è sempre stata sotto la nostra attenta osservazione. Ribadisco che si tratta di un momento molto delicato per il futuro della Lupiae, ma stiamo studiando le possibili soluzioni. Abbiamo disegnato una ipotesi di rilancio dell’azienda, i cui criteri e linee generali saranno portati all’attenzione del Consiglio comunale, che verrà sempre informato di ogni passo che faremo riguardo il destino della Lupiae. Sempre nel rispetto dei ruoli e nella massima trasparenza dei comportamenti. Sono convinto – conclude – che la sorte di ben 380 famiglie non sarà oggetto di strumentalizzazione da parte dell’opposizione, da cui mi aspetto collaborazione e sostegno anche riguardo a questa ipotesi di rilancio, che mi auguro prenda corpo con l’aiuto di tutti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!