“L’alba di Venere” apre l’edizione 2007 di “Arte in Parabita”

Madrina della serata Nathalie Caldonazzo

Parte l’edizione 2007 di “Arte in Parabita”. Apertura della manifestazione con la serata di gala del 28 luglio a Parabita. Premi e riconoscimenti agli artisti più meritevoli

Si terrà oggi a Palazzo Adorno a Lecce, alle ore 11.30, la conferenza stampa di presentazione de “L’Alba di Venere”, la serata di gala che sabato 28 luglio inaugurerà il cartellone dell’edizione 2007 di “Arte in Parabita”. Interverranno Loredana Capone, vice presidente della Provincia di Lecce, Adriano Merico, sindaco di Parabita e presidente dell’Associazione Arte in Parabita, Paolo Pagliaro, presidente del gruppo Mixer Media e Sergio Rizzo, direttore di produzione. “L’Alba di Venere” è un evento che porterà nel Salento i nomi più illustri dell’arte, ai quali si conferirà il premio “Le Veneri di Parabita”. La serata di gala sarà valorizzata dai volti più noti della tv e dello spettacolo e verrà trasmessa in diretta da Telerama e dal canale satellitare Puglia Channel. Inoltre sabato 28 luglio, alle ore 21, in piazza Regina del Cielo e presso il Santuario della Madonna della Coltura avverrà la cerimonia di assegnazione dei premi, un ambìto riconoscimento alla “fecondità” creativa degli artisti ospiti della serata. Nel corso della serata infatti saranno attribuite le “Veneri di Parabita” agli artisti che si sono maggiormente distinti nelle principali categorie delle arti performative come quelle del teatro, della danza e della musica. Riconoscimenti saranno assegnati anche per i nuovi volti tv 2007 e all’artista dell’anno. Per il secondo anno consecutivo, la conduzione dello spettacolo sarà affidata alla brillante coppia di presentatori formata da Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo, affiancati dalla madrina Nathalie Caldonazzo. Il Festival delle arti in mostra, che si svolgerà nella città salentina sino a domenica 5 agosto, è promosso dalla Provincia di Lecce, dalla Regione Puglia e dal Comune di Parabita.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!