Università. Un nuovo rettore entro il 7 novembre

Armando Blanco eserciterà nel frattempo le funzionai rettorali

Come da statuto, l’elezione del successore di Oronzo Limone, rettore dimissionario dell'Università di Lecce, dovrà avvenire entro 120 giorni dalla cessazione del mandato. Entro la prima settimana di novembre, quindi, l’Ateneo salentino avrà la sua nuova guida

E’ stato ricevuto ieri il decreto, datato 11 luglio, con il quale il ministro dell’Università e della ricerca Fabio Mussi prende atto delle dimissioni di Oronzo Limone da rettore dell’Università del Salento, invitando gli organi accademici a dare l’avvio alle procedure per la nomina del docente che dovrà sostituirlo. Come indicato dallo statuto dell’Università del Salento (articolo 30, comma 9), la nuova elezione dovrà avvenire entro 120 giorni a partire dal giorno della cessazione del mandato. Dunque, il nuovo rettore verrà eletto entro il 7 novembre 2007 e la convocazione del corpo elettorale, ad opera del decano dell’Ateneo, dovrà avvenire tra il 19 agosto e l’8 ottobre. Nel frattempo, le funzioni rettorali sono esercitate da Armando Blanco, prorettore vicario. Oronzo Limone ha dato le sue dimissioni da rettore dell’Università del Salento a seguito dell’inchiesta giudiziaria che lo vede tra gli indagati dalla Procura della Repubblica di Lecce. L’ipotesi è di falso e abuso e riguarda la questione del Polo umanistico che doveva nascere nell'ex manifattura Tabacchi. Ma lo stesso filone d’inchiesta s’è ampliato nei giorni scorsi, arrivando ad ipotizzare anche il reato di voto di scambio: posti di lavoro ed alloggi in cambio di suffragi. Nella stessa inchiesta è coinvolto Angelo Tondo, ex assessore all’Urbanistica del Comune di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!