Bruciano 20 ettari di macchia

Lavoro senza sosta per i vigili del fuoco

Incendio presso la pista di collaudo auto Prototipo, a Nardò, lungo la provinciale per Avetrana. Il fuoco è arrivato probabilmente dall’esterno dove già avevano preso vita piccoli focolai

Hanno lavorato senza sosta anche nella giornata di ieri le squadre dei vigili del fuoco del comando di Lecce e dei distaccamenti della provincia. Mezzi di soccorso antincendio sono intervenuti nel primo pomeriggio all’interno della grande area in cui si estende la pista di collaudo di autovetture della “Prototipo”, a Nardò, che si trova lungo la provinciale per Avetrana, nei pressi di Torre Lapillo. Lì, intorno alle 15, le fiamme hanno iniziato ad intaccare almeno un paio di ettari tra macchia mediterranea ed alberi. E a quel punto la direzione della società ha ritenuto necessario chiedere l’intervento dei vigili del fuoco, i quali hanno impiegato circa tre ore per spegnere le l’incendio che nel frattempo si era allargato per circa 20 ettari. A causarlo, probabilmente, altri focolai che intanto si erano alimentati all’esterno dell’area perimetrale delimitata dal muro di cinta visibile lungo la provinciale; il vento avrebbe trasportato quindi piccole pagliuzze ancora brucianti provenienti dalla macchia mediterranea che andava al fuoco all’esterno della pista.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!