Abusi su due ragazzine: cinque anni e sei mesi

I genitori delle vittime hanno avviato un nuovo procedimento in sede civile

La pena inflitta dal giudice Nicola Lariccia è più leggera di quella richiesta dal pm Maria Cristina Rizzo. Sandro Castriota è stato condannato ieri per aver abusato di due minorenni

Cinque anni e sei mesi di carcere e un risarcimento di quasi 20mila euro. E’ stata più leggera di quanto avesse chiesto Maria Cristina Rizzo, pubblico ministero, la pena inflitta dal giudice Nicola Lariccia a Sandro Castriota, 28enne meccanico, originario di Caprarica, arrestato il 7 ottobre dello scorso anno con l’accusa di abuso sessuale ai danni di due ragazzine minorenni (all’epoca di 13 e 14 anni). Secondo la ricostruzione dell’accusa il meccanico avrebbe abusato sessualmente della più piccola e molestato ripetutamente anche l’amica più grande, fino a quando queste non hanno trovato il coraggio di raccontare tutto ai rispettivi genitori. Il giovane, attualmente detenuto nel carcere di Altamura, è stato condannato anche al pagamento di 15mila euro per la prima e di 3mila per la seconda minorenne. Ma un altro procedimento è stato avviato dalle famiglie delle ragazze. Stavolta in sede civile dove i legali di parte hanno presentato un’istanza di risarcimento dei danni (morali e materiali) che ammonta complessivamente a tre milioni e 600mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!