La memoria di Paola e Daniela per i bambini

Sabato l’inaugurazione alla presenza delle autorità

Salento Negramaro si ferma a riflettere. E lo fa a Casarano, dove sabato 23 luglio sarà inaugurata la fondazione Paola e Daniela Onlus, intitolata alla due sorelle casaranesi vittime degli attentati di Sharm-el-Sheik. Sono previste la mostra fotografica di Gabriele Torsello e la musica dell’Orchestra araba di Nazareth

Sarà una serata interamente dedicata alla memoria di Daniela e Paola Bastianutti, le due sorelle di Casarano vittime innocenti degli attentati terroristici di Sharm-el-Sheik del 23 luglio 2005, quella che la rassegna Salento Negramaro offre in collaborazione con Comune di Casarano ed Italgest. La città di Casarano ha già dedicato loro una piazza, quella su cui si affaccia la chiesa detta di Casaranello. E proprio lì, alle 19.30 di sabato prossimo, si terrà l'inaugurazione della fondazione “Daniela e Paola Onlus” costituita per volontà di Claudio e Laura Bastianutti, genitori delle ragazze. La cerimonia si svolgerà alla presenza di Massimo D'Alema, ministro degli Esteri e vice presidente del Consiglio, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Paride De Masi, presidente Italgest, Claudio Bastianutti, presidente della Fondazione. Interverrà Farouk Hosny, ministro della Cultura della Repubblica araba d'Egitto che sarà insignito da parte dell'Unesco della medaglia Federico Fellini. Lo scopo principale dell’associazione è quello di aiutare i bambini, che le Istituzione preposte vorranno assegnarle, orfani, abbandonati dai genitori o tolti alla famiglia naturale perchè giudicata inidonea al sostentamento della prole. Altro importante obiettivo è incentivare la cultura dell’affido e dell’adozione. L’amministrazione comunale di Casarano ha messo a disposizione della fondazione il complesso adiacente la chiesa di Santa Maria della Croce (Casaranello) conosciuto come ex-Lazzaretto, che da settembre prossimo, grazie anche al sostegno di Italgest, ospiterà i bambini, occupandosi della loro assistenza e istruzione. A partire dalle ore 20.30, la Fondazione ospiterà la mostra fotografica “Shabana”, reportage di Kash Gabriele Torsello dedicato all'infanzia negli scenari di guerra. Infine dalle 21 con l'Orchestra Araba di Nazareth prosegue la sezione dedicata alla musica di Negroamaro, diretta da Nabil Ben Salameh e Michele Lobaccaro (Radiodervish), che ha l’intento di proporre al pubblico una prospettiva sul mondo arabo scevra da pregiudizi e distorsioni di immagine che inevitabilmente hanno pesato, e pesano tuttora, sullo sguardo occidentale e sulla percezione che gli stessi arabi hanno di se stessi. Salento Negroamaro 2007 è promosso dalla Provincia di Lecce e dall’Istituto di Culture Mediterranee in collaborazione con Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Puglia, il Centro Internazionale di Cooperazione Culturale C.I.C.C., il Gruppo Italgest, il Monte dei Paschi di Siena, la Fondazione Mediterraneo , il Consiglio Internazionale del Cinema e della Comunicazione dell’UNESCO, il Cts, la Conferenza Permanente degli Audiovisivi del Mediterraneo (CO.PE.A.M.), l’Accademia d’Egitto e numerose rappresentanze diplomatiche dei paesi arabi in Italia, le cattedre di Lingua e letteratura araba delle Università del Salento e di Palermo. Inoltre anche per l’edizione del 2007, per la sua rimarchevole attività di promozione culturale, la rassegna Negroamaro si svolgerà sotto l’egida dell’UNESCO nell’ambito della campagna Alleanza Globale per la Diversità Culturale. Salento Negroamaro ha inoltre ottenuto il premio Cultura di Gestione promosso da Federculture, uno dei massimi riconoscimenti nazionali nell’ambito delle attività culturali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!