Metropolitana di superficie. Cade un sostegno

Rischiano di riaccendersi le polemiche sui pali del filobus in città

Uno strano incidente si è verificato ieri a Lecce verso la fine di via Ugo Foscolo. Uno dei bracci sospesi in aria (che servirà a reggere i fili del filobus) si è staccato ed è finito su un camion danneggiandone la carrozzeria. Illeso il conducente

Un sostegno d’acciaio della tanto discussa linea della metropolitana di superficie di Lecce, attualmente in fase di costruzione e la cui ultimazione è prevista a settembre, s’è staccato dal pilone portante ed è caduto in mezzo alla strada, colpendo un camion di passaggio e rischiando di coinvolgere altre auto, che hanno fortunatamente scansato l’infisso piombato al suolo (si tratta di uno dei bracci sospesi in aria che reggeranno i fili del veicolo). Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di ieri verso la fine di viale Ugo Foscolo, nel tratto che va dal semaforo che immette al rione Santa Rosa fino alla nuova rotatoria che smista il traffico verso superstrada, viale De Pietro e viale degli Studenti. Ad essere colpito il camion appartenente ad una ditta che produce surgelati. Il conducente è rimasto illeso, ma si sono registrati alcuni danni alla carrozzeria. Causa della caduta accidentale del sostegno potrebbe essere stato il vento o forse qualche bullone non avvitato correttamente. Sul posto, per accertare le dinamiche dell’incidente, i vigili urbani del comando di Lecce, i quali hanno provveduto anche a smistare il traffico. Quanto è accaduto rischia di rinfocolare le polemiche che si sono accese nei mesi scorsi. Il nuovo sistema di trasporto voluto dalla passata amministrazione è stato infatti inviso da tutto il centrosinistra (e non solo), che ha puntato molto sul malcontento di buona parte dei cittadini leccesi durante le amministrative appena passate, fra chi ne denuncia il lato estetico e chi ritiene che sarà scarsamente utile ad abbattere il traffico e, di conseguenza, lo smog.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!