Incidente sulla Sant’Isidoro-Porto Cesareo. Maggiori dettagli

Il sangue di un 18enne sulla strada per il mare

La dinamica dell’incidente non è ancora stata ricostruita con esattezza ma l’alta velocità sembrerebbe, per il momento, la causa più probabile. Riccardo Foschi, 18 anni, ha perso la vita sul colpo dopo aver urtato violentemente ad un palo della luce. Due dei tre amici che erano con lui sono in prognosi riservata

Sono giunte maggiori notizie nel corso della giornata di ieri relativamente al tragico incidente che si è consumato nella notte tra martedì e mercoledì sulla Sant’Isidoro-Porto Cesareo. L’incidente in cui ha perso la vita Riccardo Foschi, 18enne di Copertino. Riccardo era alla guida della sua Seat Ibiza, aveva trascorso una serata con gli amici. Erano in quattro in auto, tutti giovanissimi, fra i 18 ed i 22 anni. L’impatto è stato fatale. Il giovane è morto sul colpo, schiacciato fra lo sportello ed un palo della luce. I suoi amici sono tutti ricoverati. Luigi Rizzello, 19 anni, presso l’ospedale di Copertino, è il meno grave; la sua prognosi è di 15 giorni. Più complicato il quadro degli altri feriti. Pierluigi Nestola, 18enne, trasportato presso l’ospedale di Galatina, e Fabio Tarantino, di 22 anni, in cura al “Vito Fazzi” di Lecce, entrambi in prognosi riservata. La dinamica resta incerta ma gli inquirenti indicano come probabile causa dell’accaduto l’alta velocità. A Sant’Isidoro, superata la pescheria “Jolly”, Riccardo avrebbe perso il controllo del veicolo, sbandando a sinistra, poi a destra, in piena curva, uscendo dalla carreggiata e urtando violentemente con la fiancata sinistra su un palo della luce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!