24 chili di “erba” nell’auto

Bravi ragazzi nel giro della droga

Viso da bravo da ragazzo. Ma con sorpresa. Perché Angelo De Caro, 21 anni, trasportava 24 chilogrammi di marijuana nel bagagliaio della sua auto. Giunta in Salento dall’Albania

Bravi ragazzi arruolati per il trasporto di sostanza stupefacente. Ci è cascato anche Angelo De Caro, incensurato ventunenne brindisino, operatore di call center, arrestato sabato intorno alle 19 dai militari della guardia di finanza di Lecce. Un ordinario controllo quello delle Fiamme gialle, la sorveglianza della strada. Sulla San Foca-San Cataldo, in località Torre Specchia, l’hanno fermato per un controllo di routine. Poi, la sorpresa: nel bagagliaio De Caro trasportava 25 pani di marijuana. Qualcuno, secondo gli investigatori, avrebbe incaricato il giovane, figlio di onesti lavoratori, del trasporto della sostanza. Erba fresca, appena tagliata, verdissima, non ancora essiccata. Sarebbe giunta sulle sponde salentine dall'Albania. A bordo della Peugeot 406 De Caro trasportava in tre borsoni 24 chilogrammi di “erba”, sbarcati, stando alle indagini, non oltre una settimana fa. La droga probabilmente era destinata a una organizzazione brindisina. I finanzieri cercheranno di scoprire chi aspettava quei pani che sul mercato viaggiano a 5 euro il grammo (un chilo frutta 5mila euro). Per scovare chi muove i fili dello spaccio i militari stanno esaminando i due cellulari sequestrati al giovane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!