Taviano-Casarano. Muore in moto

Sangue per strada nel pomeriggio di ieri

Viaggiava a bordo della sua Yamaha 1000 ed è andato a finire contro un’auto, una 126 che giungeva in direzione contraria. Sbalzato dal sellino, ha compiuto un volo di 15 metri. E’ morto sul colpo. I passeggeri dell’auto non hanno riportato lesioni

Scontro mortale sulla Taviano-Casarano intorno alle 19.45 di ieri. Il film sembra ripetersi: ancora una volta una moto contro un'auto. Il conducente della vettura, una 126, giunto all'ospedale “Ferrari” di Casarano, non ha necessitato di cure. La moglie è stata medicata, ma le sue condizioni non destano preoccupazioni. Ha invece perso la vita il motociclista. Si tratta di Alberto Orazzo, ventottenne florovivaista di Taviano. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri di Casarano, che stanno lavorando per accertare l’esatta dinamica dell’incidente, il giovane procedeva da Casarano verso Taviano, quando ha compiuto un volo di almeno quindici metri all'approssimarsi dell'automobile, che viaggiava in senso inverso e stava per immettersi in una via secondaria, sulla sinistra. La moto che guidava, una Yamaha 1000, è rotolata per diversi metri, finendo la sua corsa in un podere vicino, mentre Orazzo, sbalzato dal sellino, ha avuto un impatto violento, e purtroppo letale, al suolo. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti di polizia municipale, che hanno lavorato a lungo per regolare il deflusso del traffico, ed i sanitari del 118, i quali non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!