Un estone per il Taviano Volley

Arriva Eerik Jago

La firma sul contratto è evento di questa mattina. L’atto porta ufficialmente sui lidi del Salento lo schiacciatore estone Eerik Jago

È' nato a Tallinn il 29 dicembre 1980, è alto 196 centimetri ed è figlio d'arte, essendo il padre allenatore di volley. È questo il nuovo acquisto del Taviano Volley. Il forte martello, stabilmente nel giro della nazionale del suo paese d'origine, arriva dall'Antonveneta Padova, maglia con la quale ha debuttato nella passata stagione nel campionato italiano. Jago è stato spesso utilizzato dall'allenatore dei veneti Luigi Schiavon, mettendo in mostra ottimi numeri sia per l'attacco che per la ricezione. Con l'arrivo del “posto 4” estone, prende sempre più forma quindi la nuova formazione giallorosa, affidata al tecnico Massimo Dagioni. Con Jago salgono a cinque i volti nuovi nell'organico tavianese che nella stagione 2007/2008 si cimenterà nel quinto torneo consecutivo di A2. Gli altri nuovi arrivi sono Pinto (Almerìa), La Forgia (ma per lui è un ritorno alla Stilcasa, proveniente dal Molfetta), Chocholak e Moretti (entrambi lo scorso anno alla Monini Spoleto). A loro si aggiungono Michele De Giorgi e Daniele De Pandis, rispettivamente palleggiatore e libero confermati dall'organico della scorsa stagione. In passato Jago ha giocato in Finlandia, Belgio, Olanda e solo dallo scorso anno gioca in Italia. Dopo essersi cimentato in A1 col Sempre Volley, in quello che lui stesso ha definito “il campionato più bello del mondo”, per lui ora si prospetta l'esordio nella cadetteria italiana, vestendo la casacca della Stilcasa Volley Taviano. Questo, per finire, il recente curriculum sportivo di Eerik Jago: 2006-2007 Antonveneta Padova (serie A1) 2005-2006 Piet Zoomers (serie A, Olanda) 2004-2005 Torhout (serie A, Belgio) 2003-2004 Piivolley Salo (serie A, Finlandia) 2002-2003 Helsinki (seria A, Finlandia)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!