Lecce rifà il look alle periferie

Perrone: “Strade periferiche più accoglienti”

Sono stati appaltati del Comune di Lecce diversi interventi in arterie della periferia cittadina. Se ne occuperanno le ditte “Adriatica”, “Falp”, “F.lli Centonze”

Sarà la ditta “Adriatica” s.r.l. ad eseguire i lavori di sistemazione stradale e di realizzazione di marciapiedi lungo le vie Milizia, Sant’Elia, Bari, Garigliano, Abruzzi, Zimbalo, Massaglia e Itaca Lido di Lecce. La gara d’appalto si è svolta nei giorni scorsi (sono pervenute 79 offerte) e la ditta aggiudicataria ha fatto pervenire un’offerta ribasso del 30,9 %. Sarà invece la ditta “Falp” ad eseguire i lavori che riguardano l’ampliamento della rete di fognatura (sulle vie Vecchia Merine, Messina, Sassari, Moranti, Torre Mozza, Santa Rosa e traversa di via Vicenza) e rete idrica (sulle vie Vecchia Merine, Messina, Sasssari, Moranti, vecchia Carmiano e traversa di via Vicenza). Anche questa gara d’appalto si è svolta nei giorni scorsi (sono pervenute 72 offerte) e la ditta aggiudicataria ha fatto pervenire un’offerta ribasso del 30,4 %. Infine, sarà la “F.lli Centonze” s.r.l. ad occuparsi dei lavori di ampliamento della rete pluviale in via Monteroni, in particolare la realizzazione di una condotta per la raccolta delle acque meteoriche e relative caditoie. Per la gara sono giunte 70 offerte e la ditta aggiudicataria ha fatto pervenire un’offerta ribasso del 30,4%. “Si tratta di interventi di diversa natura e assolutamente necessari – sottolinea Paolo Perrone, primo cittadino del capoluogo salentino – che vanno a completare un quadro più complessivo che riguarda le arterie stradali di periferia. Sono lavori previsti da un programma che l’assessorato ai Lavori Pubblici porta avanti da tempo. Strade, marciapiedi, ma anche la rete di fognatura e quella idrica e pluviale, per rendere le strade delle nostre periferie più accoglienti e funzionali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!