Picchiata, spogliata e violentata in un vicolo

Collepasso sotto choc

Aggressione e violenza sessuale ai danni di una 28enne con problemi psichici. Il responsabile è stato arrestato e condotto al carcere di Borgo San Nicola con l’accusa di violenza aggravata dai disturbi dell’umore della vittima, lesioni personali, minacce e sequestro di persona

I genitori l’aspettavano a casa non senza una certa preoccupazione nonostante le avessero dato il permesso di tornare da sola a piedi. Perché, benché fossero appena le otto della sera, lei, 28enne di Collepasso, non era solita rincasare senza qualcuno che le facesse compagnia, dati i problemi psichici dei quali soffriva. Ma la sera di domenica scorsa ha chiesto di poter fare una passeggiata. Allarmati per il suo ritardo, ben tre quarti d’ora, i suoi sono usciti a cercarla ed hanno assistito ad una scena che avrebbero preferito non vedere. La figlia in evidente stato di choc, con gli abiti stropicciati, piena di graffi e di contusioni sul viso, sulle gambe e sulle braccia. Con una difficoltà aggravata dal suo stato di salute, la donna è comunque riuscita a raccontare l’aggressione della quale era stata resa vittima. Un uomo l’aveva tirata per un braccio in un vicolo cieco, l’aveva spogliata dei vestiti e l’aveva violentata. Minacciandola di non riferire a. Luigi Marzano, questo il nome del responsabile del grave gesto, 47 anni, è stato subito arrestato e condotto nel carcere di Borgo San Nicola. Dovrà rispondere di violenza aggravata dai disturbi dell’umore della vittima, lesioni personali, minacce e sequestro di persona.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!