L’auto sbanda. Muore a 25 anni

Incidente sulla strada Casalabate-Torre Rinalda

Tragica fine per un giovane dopo una serata al mare con gli amici. Illesa la compagna che era con lui

Una morte assurda e incredibile quella di Giorgio Natale, a pochi giorni dal suo 25esimo compleanno. Il ragazzo di Squinzano tornava a casa da una serata trascorsa al mare in compagnia degli amici, dopo una giornata di lavoro come muratore. La tragedia è avvenuta sulla strada Casalabate-Torre Rinalda dove l’auto di Giorgio, una Lanos Hyudai verdina, ha sbandato su una curva neppure tanto pericolosa. Le cause dell’incidente sono ancora in corso di accertamento da parte della polizia Stradale. L’auto dopo aver sbandato si è cappottata in aperta campagna e per Giorgio, morto sul colpo, non c’è stato a da fare. Illesa invece Federica Faiulo (20 anni, di Lecce) la sua compagna che era con lui. I due convivevano insieme vicino a Porta Napoli in via Taranto a Lecce. La disgrazia ha colto tutti di sorpresa ma nessun manifesto di lutto sulla casa di Squinzano in via Montegrappa: si attende la procedura dell’autorità giudiziaria per sapere quando la salma di Giorgio tornerà dai suoi parenti e dai suoi amici. Per ora l’unico segnale della scomparsa di Giorgio è lo striscione, appeso sul balcone del suo appartamento, con su scritto “Pisolo sarai sempre nei nostri cuori”. La sua morte fa tornare alla mente tutti i suoi trascorsi, come la sua prima unione con Pamela, la madre della figlioletta Giorgia (4 anni) che porterà per sempre il nome di papà.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!