Fiamme a Lecce

Attimi di terrore per gli incendi in via Adriatica

Le temperature altissime continuano a provocare tantissimi incendi su tutto il territorio provinciale. Tanta paura tra i cittadini e tanti danni alle abitazioni

Un pomeriggio da incubo quello di ieri che ha visto vigili del fuoco e forze dell’ordine al lavoro per domare le fiamme che si sono divampate un po’ ovunque nel Salento, a cominciare dalla periferia del capoluogo in via Adriatica. È proprio qui, nelle vicinanze della chiesa di Sant’Oronzo che ieri, poco prima delle tre del pomeriggio, si è divampato uno spaventoso incendio provocato dalla sterpaglia che ha preso fuoco forse per colpa del solito mozzicone di sigaretta lanciato da qualche auto in corsa. I danni sono ingenti. L’incendio si è esteso anche alle abitazioni portando il panico tra i cittadini che sono stati fatti evacuare dalle loro dimore. Timore anche per il palazzo che occupa gli uffici della Motorizzazione, dove ha preso fuoco anche un’auto della polizia che si era avvicinata per dare soccorso. Altri incendi si sono sviluppati ieri sulla Lecce-Maglie, in zona Baia verde a Gallipoli, nei pressi del Carrefour di Cavallino e sulla Lecce-Galatina. Un giorno da dimenticare dunque soprattutto per i pompieri che hanno lavorato sin dalle prime luci dell’alba e con le unità ridotte al minimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!