Un’arena per il marketing

Oggi la conclusione dei lavori

Si è aperto, ieri, all’insegna della competitività e dell’innovazione. “Chi non comunica non esiste”, ha dichiarato a fine giornata Danilo Arlenghi, presidente del Club del Marketing e della Comunicazione, riassumendo i lavori della giornata

Sono partiti ieri mattina con i saluti delle autorità i lavori all'interno della grande arena del marketing e della comunicazione di Lecce che proseguiranno fino a stasera. “Oggi (ieri per chi legge, ndr) Lecce è pronta per discutere seriamente con le varie realtà che operano nel territorio per fare decollare la città e valorizzare le nuove, importanti professionalità che sono nate negli ultimi anni nel settore del marketing e della comunicazione”, ha dichiarato il sindaco uscente di Lecce, Adriana Poli Bortone, che ha inaugurato l'apertura dei lavori di RING, grande arena del marketing e della comunicazione che per due giorni vedrà riuniti nel chiostro di San Domenico protagonisti del settore provenienti da tutta Italia. L'evento è organizzato dal gruppo Oltrelinea, consorzio che raggruppa diverse società del territorio operanti nel settore MarCom. L'aggregazione di più realtà è vista da Poli Bortone come “esempio positivo da seguire per superare la mentalità individualista che purtroppo ha operato per troppi anni nel nostro territorio”. “E' importante creare realtà di sintesi per non disperdere risorse umane ed economiche – ha sottolineato Loris Coppola della Camera di Commercio -. Nel nostro territorio – ha continuato – ci sono 85mila imprese piccole e piccolissime che spesso presentato progetti importanti ma che sono la fotocopia di altri”. Quello che serve, secondo Coppola, è “una regia, una progettualità anche nell'ambito della comunicazione per far conoscere ai consumatori e agli altri operatori il valore della nostra imprenditoria. Vogliamo creare una piccola Silicon Valley e indurre le imprese estere a investire da noi”. Piero Montinari di Confindustria Lecce ha posto l'accento sull'importanza della comunicazione per esportare altrove le capacità del Salento. “Anche in area MarCom è importante fare sistema tra le varie professionalità – ha spiegato -. La comunicazione è oggi un'esigenza per raggiungere tutti i mercati e riuscire ad essere competitivi anche con le realtà estere più agguerrite”. I lavori veri e propri della due giorni si sono aperti con la prima sessione plenaria dal titolo Marketing e comunicazione oltre Babele: scenari, consumi,ruoli e professioni, durante la quale sono stati presentati i temi che verranno più ampiamente trattati nel corso dei workshop e delle tavole rotonde in programma per il pomeriggio. Stefano Petrucci, presidente di Oltrelinea, ha presentato la sessione puntando l'attenzione sugli innumerevoli beni di proprietà del Sud Italia, primo fra tutti il talento, che va “utilizzato mettendosi in gioco e in competizione guardando ai propri vicini non come a nemici, ma come a colleghi con i quali perseguire un progetto comune”. Antonio Corvino, direttore generale Confindustria Lecce, ha posto l'accento sulla capacità degli addetti del marketing e della comunicazione compreso in anticipo rispetto a istituzioni e cronisti che la situazione degli ultimi anni che va vissuta come “un periodo di trasformazione e non di declino”. La trasformazione è stata al centro anche dei discorsi degli altri relatori. Completamente diverso da quello di un tempo è il consumatore, soggetto dell'intervento di Nicola Pellegrini, direttore di Q Mark, il quale ha presentato una ricerca sull'evoluzione del pubblico fruitore della pubblicità, suddiviso in publifobo (il 40%) e publifilo (il 60%). “La modernità ha creato un consumatore competente, esigente, selettivo e viziato”, ha affermato Pellegrini, dato che ha trasformato anche l'orientamento delle imprese, “passato dal prodotto alle vendite, al marketing fino al consumatore”. “Anche il consumatore di internet è in continua evoluzione – ha proseguito Massimo Crotti, presidente FCP Assointernet -. Con la crescita del numero dei fruitori di questo mezzo, infatti, cresce anche il target di età di chi naviga sul web. Non più solo il giovane o l'esperto di tecnologia, ma sempre di più adulti oltre i 35 anni. Una crescita importante data anche dall'avvento del Web 2.0, che, a partire da giganti come You Tube o My Space, sta permettendo all'utente di essere sempre più protagonista”. In un solo termine, la parola chiave del settore MarCom é “evoluzione”, come ha voluto sottolineare nel suo intervento Danilo Arlenghi, presidente del Club del marketing e della comunicazione. “L'Italia rimarrà il fanalino di coda dell'Europa fino a quando le nostre imprese non capiranno che il cambiamento deve iniziare dalla comunicazione – ha dichiarato Arlenghi – perché chi non comunica non esiste”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!