Cassa in deroga. Rampino: ‘Serve un’azione trasversale’

Lecce. Secondo il consigliere provinciale del Pd per risolvere la grave emergenza è necessario l’impegno di tutte le istituzioni

LECCE – “Una situazione esplosiva che rischia di deflagrare, se non si interviene adeguatamente con atti concreti”. Sono le parole con le quali il consigliere provinciale del Pd Alfonso Rampino descrive la grave situazione relativa alla cassa integrazione in deroga nel Salento. “Centinaia di lavoratori nel Salento sono sull'orlo del baratro, in preda alla disperazione ed in attesa di ricevere gli arretrati della cassa integrazione in deroga – dice Rampino -. Tutto ciò all'interno di un drammatico contesto socio-economico, che per ora non mostra segnali di miglioramento, stando ai dati Istat degli occupati (in calo) e del numero dei disoccupati (in aumento). La crisi ha chiaramente stremato il nostro sistema produttivo e questa fragilità si ripercuote tutta sui lavoratori e sul loro posto di lavoro, sempre più a rischio”. Secondo l’esponente del Pd, la gravità dell’emergenza impone un’azione determinata e trasversale da parte di tutti i soggetti istituzionali a protezione dei lavoratori del territorio. “Occorre promuovere – dice – ulteriori e più efficaci azioni, perciò è opportuno sollecitare l'intera deputazione salentina ad aderire alla mozione già presentata dall'on. Teresa Bellanova il primo giorno di questa nuova legislatura. Nel suddetto atto si impegna il governo ad assumere ogni iniziativa utile, anche con carattere di emergenza, per assicurare la copertura finanziaria, per gli ammortizzatori sociali in deroga, necessaria per tutto l'anno 2013. Solo con un pressing ‘deciso’ a livello nazionale si può sperare di tamponare l'emergenza, non trascurando alcun passo da compiere, anche quello di chiedere un incontro immediato presso il Ministero del Lavoro con una delegazione composta dai rappresentanti istituzionali del territorio e dalle organizzazioni sindacali e datoriali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!