Pagamenti delle PA. Il Governo sblocca i fondi

Baldassarre: “Si cominciano a raccogliere i frutti di un percorso intrapreso in Parlamento europeo due anni fa”

Tempi di pagamento che si trasformano in veri e propri problemi per le imprese. Accade in Italia, il Paese fanalino di coda in Europa in materia di ritardo dei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Il Governo ha tuttavia finalmente sbloccato la prima tranche di risorse che dovrebbero consentire di affrontare il problema del debito pubblico del passato e concedere un minimo di respiro alle imprese italiane. Con i 20 miliardi per il 2013 e altrettanti per il 2014 si tenta di recuperare una situazione drammatica che vede l’Italia vestire i panni dell’ultima della classe. “Per fortuna si cominciano a raccogliere i frutti di una strada intrapresa più di due anni fa con la direttiva da noi personalmente redatta – ha commentato Raffaele Baldassarre, vice capo delegazione vicario del Pdl al Parlamento europeo -, e che dal primo gennaio 2013 doveva porre un freno alla terribile piaga dei ritardi dei pagamenti della P.A. La strada è segnata, occorrono regole nuove e sistemi nuovi di attribuzione delle risorse agli enti locali, certamente diversi dal passato. La crisi si affronta a piccoli passi – ha concluso -, ma sostenendo quelli giusti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!