“I vigili diventino professionisti”

La proposta di mozione dei Comusti italiani al consiglio di Ugento

Il passaggio dei vigili del fuoco da volontari a professionisti non costerebbe a al Comune ed invece sarebbe per questi un incentivo a lavorare meglio e ai cittadini una sicurezza in più. Su queste considerazioni si basa la proposta di Angelo Minenna, consigliere comunale di Ugento

Rendere i vigili del fuoco presenti sul territorio del Comune di Ugento da volontari a professionisti. E’ questa la proposta che Angelo Minenna, consigliere comunale di Ugento (Partito dei Comunisti italiani), ha posto all’attenzione di Biagio Marchese, presidente del consiglio comunale, Giuseppe Nuzzo, presidente della III Commissione consiliare permanente, Massimo Colosso, presidente della IV Commissione consiliare permanente, e di tutti i capigruppo consiliari, proponendo, a questo proposito, una mozione da discutere come ordine del giorno in occasione del prossimo consiglio comunale utile. Riportiamo, di seguito, la proposta di mozione. Oggetto: proposta di Mozione sul passaggio dei Vigili del Fuoco di Ugento da volontari a professionisti. Determinazioni. Ugento, lì 6 giu. 07 Egregi Signori, ai sensi dell’art. 25 del vigente Statuto Comunale e dell’art. 26 del Regolamento sul funzionamento del C.C. trasmetto copia di una proposta di O.d.G. da discutersi nella prossima seduta utile del Consiglio Comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che da più di dieci anni, con costanza e spirito di abnegazione, opera sul territorio comunale un distaccamento di Vigili del Fuoco volontari, che oggi impegna circa 35 unità volontarie. Considerato che il personale volontario dei Vigili del Fuoco di Ugento ha scrupolosamente operato in situazioni di costante pericolo, a difesa dell’integrità del nostro territorio e dell’ambiente circostante, messo di frequente a repentaglio da gesti criminali di incendio doloso o danneggiamenti di imprese e attività commerciali e artigianali, case di privati cittadini, svolgendo nel contempo attività di costante difesa della natura e del paesaggio di Ugento e del suo territorio, e, inoltre, adempiendo al dovere di prevenire ogni causa o incidente che potesse generare incendi di varia natura. Considerato, inoltre, che i Vigili del Fuoco volontari di Ugento hanno scrupolosamente svolto il proprio dovere anche in teatri diversi da quelli del territorio comunale, compiendo anche azioni nei comuni limitrofi, sempre per la sicurezza dei cittadini e per la tutela e la conservazione del patrimonio naturalistico salentino. Visto e considerato che essi sono, inoltre, ritenuti dai nostri concittadini come uno strumento utile e necessario, atto a prevenire non solo fenomeni di incendio, ma anche prevenendo e arginando gravi fenomeni di allarmismo sociale collettivo. Ritenuto che la loro costante azione vada motivata e incentivata da un punto di vista sia personale che lavorativo, impegnando tutti gli amministratori comunali, presso le diverse sedi istituzionali e politiche, per la loro definitiva stabilizzazione lavorativa, passando così da distaccamento volontario a vero e proprio presidio stabile, con il conseguente passaggio, per gli attuali Vigili del Fuoco di Ugento, dalla condizione di volontari a personale effettivo e di ruolo professionistico. Ritenuto, altresì, che il passaggio dei Vigili del Fuoco di Ugento da volontari a professionisti garantirebbe a Ugento e al suo territorio, in caso di incidenti o incendi, un servizio completo, e non solo limitato al primo intervento, che garantirebbe una effettiva tutela del territorio e una maggiore sicurezza dei cittadini, evitando che la maggior parte delle richieste d’intervento siano passate al distaccamento di Gallipoli, con conseguenti ritardi e perdite di tempo, dovute alla distanza di questo dal nostro Comune, per gli interventi su richiamati. Considerato, inoltre, che detta stabilizzazione non comporta oneri finanziari a carico dell’Ente, il quale provvede già a fornire gratuitamente locali e attrezzature di proprietà comunale al suddetto distaccamento. Tutto quanto premesso, considerato e ritenuto. Sentiti gli interventi dei Consiglieri Comunali nell’allegato resoconto stenotipistico. Con voti… Ai sensi del Dlgs 267/2000 DELIBERA di impegnare il Sindaco e la Giunta Comunale all’attivazione, presso gli organismi competenti (Ministero dell’Interno, Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, Prefettura e Regione Puglia), di tutte le procedure burocratiche e amministrative atte alla trasformazione del personale del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Ugento da volontario a stabile e di ruolo. Inoltre, il Consiglio Comunale di Ugento delibera di inviare copia della presente deliberazione al Ministero dell’Interno della Repubblica Italiana, alla Prefettura di Lecce e al Dipartimento nazionale e regionale della Protezione Civile. Certo di Vs positivo riscontro e benevolo apprezzamento, Distinti Saluti, Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!