Manieri e Pellegrino contro Aeroporti Puglia

Venerdì prossimo incontro con i vertici

Dura presa di pozione di Maria Rosaria Manieri, assessora provinciale al Turismo, e Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia, nei confronti di Aeroporti di Puglia che ha tagliato i collegamenti tra gli aeroporti e le località turistiche del Salento

“Il bando di gara di Aeroporti di Puglia per l’affidamento dei collegamenti degli aeroporti pugliesi con i capoluoghi di Provincia e le aree regionali a maggiore attrazione turistica – ha dichiara la senatrice Manieri – contiene una macroscopica penalizzazione del Salento. Mentre si collegano giustamente Bari e Brindisi con località turisticamente importanti come Castellana Grotte, Alberobello, Ostuni, Castel del Monte, Trani, Vieste, ma anche con altre località di minore affluenza turistica, come Monopoli, Altamura, Barletta, per il Salento il collegamento è previsto solo ed unicamente con il city-terminal di Lecce. Non è previsto alcun collegamento con località quali Gallipoli, Otranto e Santa Maria di Leuca che sono un pezzo forte del turismo non solo salentino ma pugliese”. L’assessora al Turismo continua spiegando come, assieme a Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia, si sia immediatamente attivata per porre rimedio alla situazione. “Venerdì prossimo – dice – incontreremo a Lecce Domenico De Paola, presidente di Aeroporti di Puglia. Per il momento esprimiamo il nostro, riteniamo, più che legittimo dissenso verso scelte di cui ci sfugge la logica, fermo restando che la Provincia si riserva di adire a doverose azioni di tutela del proprio territorio, qualora non si possa risolvere altrimenti questa che riteniamo una manifesta ingiustizia, che rende più duro e difficile il lavoro che imprenditori e istituzioni stanno facendo con risultati che pongono il Salento in cima ai territori turistici della Puglia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!