Annegano due subacquei

Lo sbalzo di temperatura e un collasso cardiaco le probabili cause della morte

Due subacquei sono morti nelle acque del mare del Salento. Il primo incidente si è verificato in mattinata, in località Mare Verde, fra Alliste e Ugento. Michele Rella, sottufficiale trentenne dell’esercito, originario di Potenza, non è riemerso dopo essersi tuffato per recuperare una pinna persa nel corso di una precedente immersione. A provocare la morte di Rella potrebbe essere stato lo sbalzo di temperatura. L’uomo, infatti, aveva compiuto una prima immersione con la muta. Poi, accortosi di aver perso la pinna, si è spogliato e gettato nuovamente in acqua in cerca dell’accessorio. Dopo essersi immerso diverse volte, a un certo punto non è più risalito in superficie. È stata la fidanzata, di Casarano, a dare l’allarme quando non ha più visto il suo compagno riemergere. Il secondo incidente si verificato l’altro ieri sera, a Porto Badisco. A perdere la vita è stato un sessantasettenne di Carovigno, in provincia di Brindisi, da tempo residente a Torino, Salvatore Tateo. L’uomo era in acqua quando, a causa di un improvviso malore, è annegato. Tateo era un sub molto esperto e, l’altro ieri sera, si era immerso in compagnia di un amico. È sato proprio quest’ultimo a lanciare l’allarme quando ha visto Tateo che accusava un malore. Lo ha riportato in superficie e ha chiamato i soccorsi, ma per l’uomo non c’era più a da fare. A ucciderlo, forse, un collasso cardiaco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!