Juniores e Speranze per la pesistica salentina

Sabato 12 maggio, ore 9 al Palazzetto dello Sport

Si svolgerà per la prima volta in Salento, per la precisione a Copertino, il Campionato Italiano di Pesistica riservato alle categorie Juniores e Speranze, maschili e femminili

Per la prima volta il Salento ospiterà il Campionato Italiano di Pesistica riservato alle categorie Juniores e Speranze, maschili e femminili. La manifestazione si svolgerà sabato 12 maggio, dalle ore 9.00, nel Palazzetto dello Sport “San Giuseppe da Copertino”, a Copertino e vedrà la partecipazione di 45 società in gara nella categoria Speranze e 40 nella categoria Juniores, per un totale di 126 atleti: 69 Speranze (di cui 21 femmine) e 57 Juniores (di cui nove femmine). Le società pugliesi presenti sono cinque: la “Body’s Training” di Copertino, la “Pesistica Salentina” di Aradeo, la “Body Line” di Leverano, l’“Angiulli” di Bari e la “Fitness Center” di Acquaviva delle Fonti. Gli atleti che rappresenteranno il Salento sono: Enrico Grandioso, Fabio Giuseppe Zuccalà, Francesco Martina, Luca Ciccarese, Stefano Fiorita, Gianmarco Sederino, Rosario Nestola (categoria Juniores), Giuseppe De Pascalis, Andrea Parente, Jacopo Pantaleo Inguscio, Serena Vadacca e Alessandra Alemanno (categoria Speranze) per la “Body’s Training” di Copertino; Dario Aluisi, Antonio Fanuli e Sara Gabrieli (categoria Speranze) per la “Pesistica Salentina” di Aradeo; Angela e Maira Pierri (categoria Speranze) per la “Body Line” di Leverano. La pesistica è una delle disciplina più antiche nel panorama sportivo, ed è inserita nel programma olimpico fin dalla prima edizione delle Olimpiadi moderne, che si svolse ad Atene del 1894: da allora è sempre stata presente, seppure con modalità e stili diversi da quelli attuali, che prevedono esercizi di strappo e slancio. Nella prova di strappo, l’atleta solleva il bilanciere da terra fino a sopra la testa, a braccia tese, con un unico gesto e con l’impugnatura larga delle mani. Nella prova dello slancio, invece, l’atleta solleva il bilanciere in due momenti distinti, da terra fino all’appoggio sul petto, e successivamente fin sopra la testa, sempre a braccia tese, ma con un’impugnatura più stretta rispetto all’esercizio precedente. Al termine degli esercizi, l’atleta aspetta in posizione retta la convalida della prova prima di abbassare il bilanciere sulla pedana. Il bilanciere pesa 20 chilogrammi per i maschi e 15 chilogrammi per le femmine e viene caricato progressivamente con piastre di diverso peso. Il pesista dichiara la partenza più bassa, gli altri seguono con lo stesso criterio. Le migliori prove valide nei due esercizi vengono sommate tra loro per determinare il “totale olimpico” che stabilisce la classifica finale. A parità di peso sollevato, vince l’atleta che pesa di meno. A parità di peso corporeo e peso sollevato, vince l’atleta che ha effettuato la prova per primo. Ai Campionati Italiani partecipano gli atleti di 17 e 18 anni (categoria Speranze), di 19 e 20 anni (categoria Juniores), ulteriormente suddivisi per categorie di peso per-sonale (sette femminili e otto maschili). I partecipanti gareggiano in contemporanea su due pedane e la competizione si svolge attraverso tre prove di strappo e tre di slancio. La classifica di ogni categoria si determina in base al miglior “totale olimpico”. I Campionati Italiani di pesistica sono organizzati dall’ASD “Body’s Training” di Copertino e patrocinati dal Coni, dalla FIPCF, dal Comune di Copertino, dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce e dall’Azienda per la Promozione turistica di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!