Impianti eolici. La Provincia dà gli indirizzi

In consiglio a proposito di vento

La relazione di Pellegrino è stata approvata all’unanimità del consiglio provinciale; le proposte di alcuni consiglieri sono state accettate dalla maggioranza. La Provincia detta i criteri di sviluppo degli impianti di energia eolica in Salento

Dopo un’articolata discussione, il consiglio provinciale ha approvato all’unanimità (28 voti) la relazione del presidente Pellegrino sugli impianti eolici, con cui si chiede al Governo, tra l’altro, di adottare con criteri di urgenza un provvedimento di sospensiva delle procedure di autorizzazione unica per gli impianti di produzione energetica da fonte eolica; di adottare le Linee guida per l’inserimento degli impianti eolici nel territorio con cui siano garantiti gli elementi di tutela del territorio; di prevedere nell’ambito del Piano energetico nazionale il coordinamento dell’apporto energetico da fonti rinnovabili; di prevedere la procedura di valutazione di impatto ambientale (Via) per tutti i progetti eolici industriali. Sempre all’unanimità, l’assemblea provinciale ha approvato la parte dell’atto di indirizzo con cui viene dato mandato al dirigente del settore ambiente di acquisire, mediante richiesta, dalla Regione Puglia, tutte le istanze di autorizzazione inoltrate entro la scadenza del bando regionale e di sollecitare la stessa Regione Puglia a conferire alla Provincia i poteri relativi all’autorizzazione unica e alla Via per l’insediamento di impianti eolici. Con 26 voti favorevoli e due astenuti (Flavio Fasano e Ferdinando Pedaci) sono stati approvati gli altri punti dell’atto di indirizzo. In quel documento la Provincia chiede: che, nelle more del conferimento dei poteri alla Provincia, la verifica di assoggettabilità, prevista in via generale per tutti gli impianti industriali per la produzione di energia mediante lo sfruttamento del vento, già avviata o da avviare, evolva in una attestazione di assoggettabilità al Via se gli stessi impianti ricadono nelle aree di cui all’articolo 2.05 del Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio (Puttp) per non compromettere le successive possibilità di valutazione in sede di redazione dei Piani di dettaglio di secondo livello, di competenza della Provincia; che la Regione in sede di “procedura di verifica” tenga conto degli indirizzi espressi nelle determinazioni assunte dal consiglio provinciale e dalla V Commissione consiliare; che l’insieme di tutte le proposte di realizzazione degli impianti eolici, incidenti in provincia di Lecce, siano assoggettate alla valutazione ambientale strategica (Vas); di soprassedere, per il momento, sulle istanze di autorizzazione già presentate dai Comuni. Con analoga votazione (26 favorevoli e due astenuti) il consiglio ha approvato un emendamento aggiuntivo all’atto di indirizzo, presentato dal consigliere Francesco Farì che consiste nell’introdurre, nelle more delle autorizzazioni, una normativa regionale che preveda l’obbligo dell’estensione ai Comuni limitrofi (ubicati in un raggio di 10 chilometri dalla installazione delle pale eoliche di grandi dimensioni) dei vantaggi economici per cui gli stessi Comuni possano essere adeguatamente ripartiti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!