Tromba d'aria di fine novembre. E' stata calamità

La soddisfazione di Durante

La tromba d'ria dello scorso 26 novembre è stato un evento atmosferico di portata eccezionale; gli agricoltori che ne sono stati danneggiati hanno, dunque, tutto il diritto di essere rimborsati. Lo ha stabilito Paolo De Castro, ministro delle Politiche agricole

Gli agricoltori salentini danneggiati dalla tromba d’aria del 26 novembre 2006 riceveranno gli aiuti dello Stato, in quanto all’evento è stato riconosciuto il carattere di calamità naturale per le quali la legge prevedeva (n. 102 del 29.3.04) interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole danneggiate. Il ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 94 del 23.4.07 ha decretato l’esistenza del carattere di eccezionalità dell’evento calamitoso del 26 novembre 2006 (venti impetuosi) per effetto dei danni alle produzioni ed alle strutture aziendali ed infrastrutture connesse all’attività agricola nei Comuni di Lecce, Lequile, Matino, Melissano, Nardò, San Donato, Scorrano, Taviano e Ugento. Gli agricoltori e le aziende danneggiate possono presentare istanza per l’erogazione degli aiuti entro 45 giorni dalla data di pubblicazione del decreto, quindi entro il 7 giugno 2007. “Prendo atto con soddisfazione della velocità con cui il ministero dell’Agricoltura è pervenuto alle dichiarazioni di calamità naturale della tromba d’aria del 26 settembre 2006 – ha dichiarato Cosimo Durante, assessore provinciale all’Agricoltura -. Ciò è stato possibile per la perfetta sintonia con cui Provincia, Regione e Ministero hanno potuto operare, snellendo le procedure ed accorciando i tempi necessari per giungere a questa decisione. Rispetto al passato – ha concluso – la macchina ha funzionato alla perfezione consentendo ad aziende agricole salentine di ricevere gli aiuti previsti dalla legge”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!