Un monumento a Giovanni Paolo II

La proposta della civica “Per cambiare”

Al termine dei lavori di riqualificazione della piazza antistante il municipio di Ugento, la comunità si porrà il problema della collocazione di un monumento da dedicare ad un grande personalità. La civica “per cambiare” guidata da Nico Giannuzzi, propone di dedicarlo a Giovanni Paolo II

Saranno a breve portati a termine, ad Ugento, i lavori di riqualificazione della piazza antistante il municipio. Il progetto prevede che lo spazio centrale della piazza sia eventualmente destinato alla collocazione di un monumento commemorativo ma ancora non si è individuato di quale monumento possa trattarsi. A tal proposito, i componenti della civica “Per cambiare”, partendo dalla considerazione che i monumenti che la comunità cittadina decide di porre al centro delle proprie piazze debbano riferirsi a uomini o donne che si siano particolarmente distinti nella propria vita, a tal punto da rappresentare un esempio concreto da tramandare alle giovani e future generazioni, hanno proposto ai cittadini e all’amministrazione comunale di dedicare il monumento a Giovanni Paolo II. “La sua figura – ha spiegato Nico Giannuzzi, del direttivo della civica, è considerata universalmente una delle più significative e influenti per il corso della storia contemporanea. È stato, infatti, amico speciale dei bambini e dei giovani, ha sempre fortemente desiderato un dialogo con le nuove generazioni, fin dai primi attimi del suo pontificato, quando all’umanità tutta e ai giovani in particolare rivolse la storica esortazione a non avere paura. Questa è la nostra proposta – ha dichiarato Giannuzzi – che indirizziamo a tutti gli amministratori comunali, invitandoli a non procedere, anche in questo caso, a decisioni solitarie, come già avvenuto – ha concluso – per la riqualificazione delle piazze e per la modifica dello stemma comunale, simboli nei quali si identifica la nostra comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!