Turisti in città. Barba ringrazia gli operatori

La riconoscenza del sindaco alla città

Il merito della consistente presenza di visitatori a Gallipoli durante le festività pasquali è degli operatori del settori, del Creatore e dell’amministrazione comunale. Lo ha dichiarato Vincenzo Barba, sindaco della città, nell’aprire ufficialmente la stagione turistica

Dopo il pienone di turisti che ha registrato nelle festività pasquali, la città di Gallipoli è ora pronta ad organizzarsi per accogliere i vacanzieri nei ponti di fine aprile e inizio maggio. “Ciò significa – spiega Vincenzo Barba – tante cose, tutte positive: le aspettative degli operatori turistici e degli operatori commerciali sono sempre molto alte e la speranza concreta di raggiungere risultati ancora migliori diventa una sfida professionale sempre più elevata; siamo davvero fortunati ad essere nati e vivere e ad amministrare una cittadina le cui bellezze sono oggetto del desiderio conoscitivo di un numero di persone sempre più alto (il merito di tutto ciò ovviamente è soprattutto del Creatore che ha costruito intorno a noi una cornice di incanto ed anche di tutti quegli artisti che l’hanno abbellita con chiese e monumenti); se Gallipoli continua a crescere qualitativamente e quantitativamente in termini di accoglienza il merito è degli operatori alberghieri ed extralbergheri che con la loro capacità di coccolare il cliente lo inducono a venire, tornare e ritornare; da ultimo non posso non pensare che se tutto va bene, così come appare evidente, il merito sia anche della nostra amministrazione che non perde occasione, pur nelle ristrettezze di bilancio in cui si trova ricorrendo spesso ad azione di grande marketing territoriale, a portare in alto e sulla bocca di tutti il nome della nostra città”. Così Barba prosegue, ringraziando tutti coloro che si sono congratulati con lui per la consistente presenza turistica nella città ionica, “non intaccato – sottolinea –, anche grazie al nostro pronto intervento, dalle gravi vicende di via Firenze”; e ringrazia Barba anche tutti gli operatori turistici per la disponibilità che hanno dimostrato nel momento del bisogno da parte della cittadinanza. “Il turismo – conclude – diventa fonte diffusa di ricchezza se sono in tanti a parteciparne, nel pieno convincimento che in tutte le iniziative che danno lustro alla città, il loro contributo, anche in termini meramente concreti sarà assai gradito”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!