Gallipoli tappa i buchi

Il disastro della città bella. Si lavora per ricucire

Alcune famiglie potrebbero oggi fare ritorno a casa. Intanto proseguono i lavori di riempimento della grande voragine con pietrisco a calcestruzzo. E il sottosegretario alla Difesa, Marco Verbaschi, rassicura: “Il governo non vi dimenticherà”

“Il governo non farà mancare i,l suo aiuto”. Lo ha promesso ieri Marco Verbaschi, sottosegretario alla Difesa, in visita a Lecce. E dalla Regione già oggi potrebbero arrivare i primi tre milioni di euro. Per far fronte all’emergenza, infatti, Rocco Palese, capogruppo regionale di Forza Italia, ha proposto negli emendamenti al Bilancio di previsione 2007 uno stanziamento pari a questa cifra per le prime necessità. Mentre si cerca una soluzione per le famiglie evacuate, già oggi una ventina di esse potrebbero far rientro nelle loro abitazioni, quelle meno interessate dalle voragini che si sono aperte. Per gli altri, il sindaco Vincenzo Barba assicura che non c’è fretta di abbandonare gli alberghi, che li ospiteranno fino a che ce ne sarà bisogno. Continuano, intanto, i lavori per colmare i crateri, dopo i sopralluoghi dei geologi. Essi consistono nel riempimento della grande voragine con pietrisco e calcestruzzo. Erano infatti iniziati già sabato 31 marzo, ma erano stati sospesi poco dopo per un nuovo vasto cedimento di un’area attigua. E continua l’inchiesta giudiziaria che dovrebbe accertare se ci sono state irregolarità nelle concessioni delle licenze di costruzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!