Fitto e Angelucci. Confermato il dissequestro dei beni

Nuova puntata dell’inchiesta che vede protagonisti il politico e l’imprenditore

Il Riesame respinge l’appello della Procura contro l’ordinanza di revoca del sequestro dei beni emessa dal giudice per le indagini preliminari. Il presunto provento dell’affare illecito era già sotto sequestro nel procedimento a carico delle persone giuridiche

Il tribunale del Riesame di Bari ha respinto l’appello della Procura contro l’ordinanza del gip che il 2 agosto scorso aveva revocato il sequestro dei beni personali emesso il 20 giugno 2006 nei confronti del deputato di Forza Italia, Raffaele Fitto, e dell’imprenditore romano Giampaolo Angelucci. Ai due fu notificato anche un provvedimento di arresti domiciliari (anche questo revocato dal gip) che nei confronti di Fitto, poichè parlamentare, non fu eseguito. Nel corso dell’udienza del tribunale del Riesame l’accusa aveva insistito per il sequestro dei beni personali dei due indagati; la difesa, invece, aveva affermato che il presunto provento dell’affare illecito, pari a 55 milioni di euro, era già sotto sequestro nel procedimento a carico delle persone giuridiche (le società di Angelucci) e che doveva intendersi anche a garanzia delle persone fisiche. Quest’ultima tesi, avanzata dagli avvocati di Fitto, Giulia Buongiorno e Francesco Paolo Sisto, è stata condivisa dai giudici. Arresti e sequestri furono disposti nell’ambito di un’indagine su un finanziamento elettorale di 500mila euro ricevuto da Fitto, ma che dai magistrati era ritenuto una tangente per appalto assegnato al Consorzio San Raffaele quando l’esponente di Forza Italia era presidente della Regione Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!