Cancro dell’utero. Un vaccino per le adolescenti

Un rimedio contro il secondo tumore più diffuso tra le donne

E’ da ieri disponibile in tutte le farmacie il vaccino contro il papilloma virus che causa il cancro dell’utero. Le adolescenti vi si possono sottoporre in maniera del tutto gratuita. Non ci sono effetti collaterali. Lamberto Coppola, fisiopatologo della riproduzione, spiega di che cosa si tratta

In tutte le farmacie della Puglia, così come in quelle del resto d’Italia, è disponibile da ieri il vaccino contro il cancro dell’utero, malattia che in Europa rappresenta il secondo tipo di tumore, quanto a diffusione, che colpisce le donne. Sono 230mila, ogni anno, nel mondo, le morti per cancro dell’utero; in Italia se ne contano 30mila. Il rischio di contrarre il “papilloma virus” è dunque molto alto: una donna su dieci. “Il 70-80% delle donne nel corso della vita può contrarre il virus – spiega Lamberto Coppola, tra i massimi esperti italiani di Hpv e referente per la Puglia meridionale della casa farmaceutica Sanofi Pasteur & Merck, che ha lanciato sul mercato il vaccino, e che nell’ambito dell’Associazione Ginecologi extraospedalieri, ha partecipato alla raccolta di dati epidemiologici nelle fasi iniziali della sperimentazione -. Circa otto di loro svilupperanno il cancro. Un numero consistente”. La vaccinazione è gratuita ed è raccomandata per le 12enni, come ha stabilito il ministro della Salute. Le Regioni hanno tempo fino al 2008 per organizzarsi. Ma si possono sottoporre al trattamento anche le donne che abbiano superato la soglia dei 12 anni. Infatti, dai 13 ai 26 anni, il vaccino è a pagamento (tre dosi da 188 euro ciascuna), ma è comunque erfficace. “Oggi è possibile – continua Coppola – prevenire il cancro cervicale con una vaccinazione anti-Hpv, affiancata da un efficace screening come il pap-test. Tuttavia, questa vaccinazione protegge solo dai due virus più comuni e pericolosi, i sottotipi 16 e 18 dell’Hpv considerati a rischio di sviluppo cancerogeno. Questo è il motivo per cui anche le donne che si vaccineranno non dovranno sottrarsi agli abituali screening con pap-test. Le donne maggiormente candidate alla vaccinazione sono le adolescenti prima dell’inizio dell’attività sessuale, perché in loro il vaccino mostra la maggiore efficacia. Ma possono sottoporsi al trattamento anche donne più adulte che non abbiano mai contratto l’infezione e risultino negative alla ricerca del virus”. Il vaccino si fa sul deltoide, quindi gli unici effetti collaterali a breve termine sono un bruciore locale di un giorno e qualche decimo di febbre. Non ci sono invece effetti a lungo termine perché il vaccino è fatto con biotecnologia ricombinante, è sicuro perché è sintetico e quella che inocula è solo la capsula del virus senza genoma virale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!