Gallipoli. Più servizi per gli uffici Aqp

La soddisfazione di Barba

Dopo lunghe trattative Gallipoli è riuscita a giungere ad un accordo con la direzione generale dell’Acquedotto Pugliese: un potenziamento dei servizi e del personale

Si è detto molto soddisfatto Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, per quanto comunicato dal direttore generale dell’Acquedotto Pugliese. Questi ha infatti fatto sapere non soltanto depotenzierà gli uffici nella Aqp, ma li implementerà di maggiori servizi e maggiore personale. “Non è stato facile vincere questa battaglia – ha detto Barba – dal momento che all’indomani del nostro insediamento ci trovammo ad affrontare una questione spinosa: sembrava infatti che criteri generali di riordino e di riassetto dell’Acquedotto Pugliese comportassero il ridimensionamento se non la chiusura di quegli uffici che fanno parte della storia degli enti pubblici della nostra città, di quegli enti che grazie ai loro uffici esercitano una funzione importantissima non soltanto per la nostra città ma per tutto il territorio del Sud Salento che vede in Gallipoli il suo punto di riferimento”. Iniziò così un lungo carteggio tra l’amministrazione gallipolina e la direzione generale dell’Aqp in cui venne messa in luce l’importanza di quegli uffici e delle funzioni territoriali espletata in esse. “Devo dire che siamo stati così seri e così responsabili nell’analisi della vicenda in oggetto – continua Barba – che l’Acquedotto Pugliese ha ritenuto cosa opportuna quella non soltanto di conservare l’esistente ma di ampliarlo, irrobustirlo, potenziarlo e riqualificarlo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!