Baden Powell premia il volontariato

al via il Premio ideato dal Cngei Lecce e Gruppo “Stefano Costa” di Novoli

I candidati possono auto-segnalarsi o essere promossi da terzi, attraverso un modulo di segnalazione all’interno del quale dovranno essere contenute le relative motivazioni

Si premia la solidarietà ed il volontariato con il “Premio Baden Powell”. Al via le segnalazioni «Conferire un riconoscimento a chi, grazie alla sua attività, ha attuato azioni di volontariato e solidarietà». Questo il chiaro intento del Premio “Baden Powell”, ideato e promosso dalla Sezione di Lecce del Cngei e dal Gruppo Lecce 3 “Stefano Costa” di Novoli, in occasione del centenario dello scautismo nel mondo; la speciale ricorrenza, inoltre, coincide perfettamente con le celebrazioni per l’edizione 2007 del “Concorso Stefano Costa”, all’interno del quale è stato appunto inserito il premio. L’iniziativa nasce dalla voglia di conferire un premio a persone, enti, associazioni, fondazioni, aziende che hanno messo al servizio delle comunità disagiate la loro attività o professione, promuovendo e sostenendo azioni di volontariato, concretizzando così i sani valori dello scautismo e sposando a pieno le parole del fondatore Robert Baden Powell. La partecipazione al premio, oltre a tutti i cittadini italiani residenti sul territorio nazionale, è aperta anche ad associazioni, enti, fondazioni, organizzazioni, aziende, istituiti scolastici che hanno attuato azioni di volontariato, sia in Italia che all’estero. I candidati possono auto-segnalarsi o essere promossi da terzi, attraverso un modulo di segnalazione all’interno del quale dovranno essere contenute le relative motivazioni oltre ad una dettagliata ed obbligatoria documentazione (foto, filmati, documenti vari). Il materiale di segnalazione dovrà pervenire alla segreteria organizzativa entro e non oltre il prossimo 12 maggio. Per ulteriori informazioni contattare 320.1880424 – [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!