In punta di piedi alla Scala

L’orgoglio della prima istruttrice di danza

Gabriele Corrado, ballerino di Casarano, è stato protagonista della recita pomeridiana, alla Scala di Milano, dell’opera “La signora delle Camelie”. I primi passi di danza li ha mossi nella scuola “Scarpette rosa”

Gabriele Corrado, il ballerino classico casaranese, è stato protagonista ieri della recita pomeridiana alla Scala di Milano dell’opera “La signora delle Camelie”, il nuovo allestimento dell’opera di Alexander Dumas (figlio), una novità assoluta per il teatro milanese. Il giovane artista (21 anni) ha debuttato nella veste di Armand Duval, il protagonista, la stessa che nelle recite serali è di Roberto Bolle. Si tratta di un traguardo molto importante per la carriera di Corrado perché, in genere, il ruolo di protagonista nelle recite pomeridiane della Scala viene assegnato all’artista giovane più interessante. “E’ un ragazzo molto promettente – ha affermato Jozo Borcic, uno dei suoi maestri – vedersi affidare quella parte significa che sei una speranza del balletto mondiale”. Particolarmente contenta del debutto di Gabriele Corrado è Rosita Corsano, titolare della scuola di danza “Scarpette Rosa”, che per un decennio è stata la sua insegnante. “Venne da me a sei anni perché c’era sua sorella – ricorda l’insegnante –; ha cominciato a ballare quasi per gioco. Diciamo che il primo percorso artistico della sua vita l’ha fatto qui”. Se Gabriele Corrado è arrivato a questi livelli è stato anche grazie a queste scuole private molto diffuse nel Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!