Lecce d’intesa con Matera

Ieri la firma

Promozione dell’innovazione e dell’e-governament. Con un protocollo d’intesa, le Province di Lecce e di Matera si impegnano a camminare insieme per cogliere nuove opportunità di crescita nei processi di produzione della pubblica amministrazione

E’ stato approvato dalla giunta provinciale, presieduta da Giovanni Pellegrino, il protocollo d'intesa tra Provincia di Lecce e Provincia di Matera finalizzato alla promozione dell’innovazione tecnologica e dell’e-governament. La Provincia di Lecce ha portato avanti nel corso degli ultimi anni una politica tesa all’innovazione tecnologica ed alla collaborazione con gli enti locali nello sviluppo di progetti innovativi, che hanno permesso di accedere a finanziamenti nazionali e regionali. Questa circostanza ha fatto sì che l’ente e le sue strutture tecniche acquisissero una notevole esperienza nello sviluppo e nella realizzazione di progetti di e-governament, divenendo un punto di riferimento anche per altre amministrazioni non solo pugliesi. La Provincia di Matera, nell’ottica di una proficua cooperazione volta al bene delle comunità rappresentate, intende avviare un programma di reciproca collaborazione nei settori dell’innovazione tecnologica e dell’e-government. Con la sottoscrizione del Protocollo i due enti si sono impegnati ad individuare e promuovere iniziative volte al raccordo ed al reciproco scambio di buone prassi, tramite la condivisione di modalità operative e regole tecnico-organizzative, ritenendolo un utile strumento al fine di cogliere nuove opportunità di crescita nei processi di produzione della pubblica amministrazione. In particolare, le due Province concordano nel promuovere e perseguire ipotesi per il “riuso” del patrimonio applicativo software in dotazione; promuovere iniziative congiunte per l’utilizzo delle nuove tecnologie come strumento di sviluppo del territorio; valorizzare il proprio personale attraverso la realizzazione di apposite sessioni formative, sia teoriche che pratiche; scambiare informazioni e opportunità di aggiornamento professionale del personale, anche tramite incontri di lavoro e di studio periodici tra i referenti tecnici nel settore di riferimento delle due amministrazioni, valutare e perseguire congiuntamente eventuali opportunità di finanziamento esterno elaborando in comune iniziative e progetti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!