Spazi sportivi, ma gratuiti

Riqualificazione delle periferie. La Biblioteca di Sarajevo scrive al sindaco

In una lettera inviata ad Antonio Fitto, sindaco di Maglie, l’associazione Biblioteca di Sarajevo pone l’attenzione sugli spazi sportivi per i giovani, chiedendo che questi possano essere fruiti gratuitamente dai ragazzi al disotto di 15 anni

Egr. Signor Sindaco, L’Associazione “Biblioteca di Sarajevo”, in occasione dell’odierna riunione sul progetto di riqualificazione del rione Immacolata, pone alla Sua attenzione la mancanza di adeguati spazi di una genuina aggregazione sociale e ricreativa non solo in questo rione ma anche nel resto della Città. Criticammo severamente a suo tempo, la decisione di realizzare dei campetti per i quali era prevista una gestione solo a pagamento, anche da parte dei fruitori più giovani. Proponemmo perciò, di realizzare spazi attrezzati da destinare gratuitamente alla pratica sportiva da parte dei ragazzi. Riformuliamo oggi tale proposta perché riteniamo che l’occasione di una riqualificazione urbana delle periferie debba interessare non solo gli ammodernamenti edilizi degli stabili prossimi all’area interessata, ma debba essere finalizzata ad un miglioramento sociale e culturale del tessuto abitativo cittadino. Le proponiamo perciò di realizzare, là dove è ubicato ciò che resta dei campi da tennis nei pressi di via Muro, uno spazio recintato e destinato alla pratica gratuita di diverse pratiche sportive quali la pallacanestro, il calcetto, la pallavolo, il tennis. Approfittiamo di questa occasione per suggerirLe, inoltre, una revisione della convenzione stipulata con il gestore dei campi di calcetto ricadenti nei comparti Fraganite e Ciancole, prevedendo delle fasce orarie per un uso gratuito da parte dei ragazzi al di sotto dei 15 anni. Sicuro dell’accoglimento di queste nostre proposte che mirano a garantire dei servizi di grande rilevanza per i giovani e per le loro famiglie, La ringraziamo per l’attenzione e La salutiamo distintamente. Il presidente Giancarlo Costa Cesari

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!